giovedì 26 giugno 2014

Lettori d’azzardo

Dopo diverse settimane di letture impegnate e di inseguimento di link e opinioni altrettanto impegnate, ho capito che stavo chiedendo troppo a me stessa, che ognuno ha le sue competenze e alcune non possono essere acquisite solo con la buona volontà.
Quindi ho deciso di lasciar sedimentare un attimo e far fluire l’estate (anche se l'ennesimo diluvio odierno non ha nulla di estivo!).
E quando voglio riprendere fiato cosa faccio? Compro libri naturalmemente!

mercoledì 11 giugno 2014

La prospettiva che sale


Questa volta siamo andati insieme a ritirare la pagella, non ne eri contento ma senza nonne disponibili che potevi fare.
Un pomeriggio insieme, diverso, di libertà dopo un altro anno di scuola. Pesante come pietra, vero?
C’erano altre mamme in coda, e altri tuoi compagni. Loro correvano, tu mi stavi al fianco, estraneo come sempre pur con un’espressione tollerante sul viso.
Stiamo fuori dal gruppo noi, presenti ma in fondo assenti, vicini ma in fondo lontani.
Parlavano del pranzo di classe del giorno dopo, quello a cui non hai voluto partecipare.
Una volta mi pesava ora ne prendo atto e basta, il momento e il luogo verranno più avanti, ne sono certa anche se non so perché.

giovedì 5 giugno 2014

La minuzia e le dinamiche da scrutinio

Nell’ultimo post sono rimasta colpita dal commento che mi ha lasciato Emy. Non si tratta solo della sua gentilezza, è la parola “minuziosa” che ha attirato la mia attenzione.
Perché è davvero quello che sono, si potrebbe dire pignola o pedante ma teniamoci la valenza positiva di minuziosa.
L’attenzione ai dettagli mi affascina, in verità spesso mi logora ma non ci posso fare niente, se prendo in mano un lavoro devo svolgerlo con tutta l’attenzione del caso. E allora scovo i punti deboli e li rattoppo, aggiro guai e sostanzialmente apprendo ogni volta qualcosa di nuovo.