sabato 22 novembre 2014

Mi siete mancati!

Ma ciao a tutti! Come state? Avevo detto che sarei tornata per Natale ma mi manca così tanto questo mio angolino di vita virtuale che eccomi qui! Sarò probabilmente una presenza incostante ma ho accumulato un po' di argomenti e sono stanca di raccontarmela tra me e me, così vengo a rompere le scatole a chi passerà di qui :D

Prima di tutto vi ringrazio tanto per i vostri messaggi e l'affetto che ho sentito davvero forte.
Poi brevi aggiornamenti sulla situazione familiare.

Mio papà è uscito la scorsa settimana dall'ospedale, definitivamente pare, dopo 4 mesi e 4 interventi chirurgici di varia portata. Il suo braccio è ancora lì, accorciato e letteralmente ricostruito pezzo a pezzo. Adesso ci sono ancora tante terapie da fare a casa e poi anni di fisioterapia. Non sappiamo quanto potrà recuperare la mano, magari pochissimo magari di più, però la voglia di provarci c'è e mio padre continua ad essere incredibilmente forte.
Vorrei saper ricordare ogni pezzo di questa ennesima avventura perché, pur nel dolore, ha portato dentro di me tante cose buone, anche la rabbia che prima trattenevo e adesso spunta fuori feroce. Se riuscirò a canalizzarla positivamente sarà una grande risorsa di cambiamento.

Alex è sempre Alex, tra qualche giorno compirà 10 anni e già sento che il prossimo anno sarà molto importante per la sua crescita. La sua maestra infortunata rientrerà lunedì e lui ne è felice soprattutto nella misura in cui questo riporterà ordine nella sua classe. Sul fronte apprendimento, aver provato stili di insegnamento diversi, è stata una buona esperienza in vista del passaggio alle medie. Per lui adattarsi è stato abbastanza facile, anzi, ha tirato fuori anche un po' di coraggio :)
I suoi risultati sono sempre incredibili, specialmente se confrontati al poco tempo dedicato allo studio, per questo ho gia chiesto alla sua maestra di aiutarmi a metterlo in difficoltà. Sembra brutto detto così ma l'allenamento al fallimento è un pezzo della storia di tutti, è naturale e prepara alle vittorie. Se tutto è troppo facile, al primo ostacolo ... si scappa! Ed è questo che vorrei evitare, già mio figlio ha la tendenza ad evitare le sfide, le novità, l'imprevisto, vorrei che almeno sul fronte scuola potesse riuscire a sviluppare i suoi talenti senza rinunciare.
C'è anche tutto il resto, c'è sempre la sua doppia personalità che lo rende a casa spesso insopportabile,  privo di filtri e fomentatore di ogni tipo di litigio familiare. Talvolta mi illudo che le cose vadano meglio, che abbia trovato un equilibrio emotivo ma poi accade qualcosa e si riparte da zero. Ma ne riparlerò, ho di nuovo bisogno di confronto e anche conforto.

Poi c'è sempre il lavoro, un delirio vero e proprio che mi sta togliendo più energie di quelle che vorrei ma che c'è e in questo momento è una gran cosa, soprattutto in una città come la mia, in cui le notizie di persone rimaste senza occupazione sono all'ordine del giorno.

E poi c'è anche un marito e una casa, entrambi trascuratissimi. Spero che abbiano ancora un po' di pazienza e non mi cambino la serratura!

Ma soprattutto siamo alle porte del mio mese preferito: finalmente dicembre! Amo tutto di questo mese, anche il freddo e la copertina sul divano (quelle poche volte che riesco a starci più di 10 minuti). Amo l'esteriorità del Natale, le luci, i suoni, i colori accesi, i profumi del cibo ... tutto eccessivo e meraviglioso. Questo amore lega me e mio figlio, la mattina abbiamo in auto le musiche natalizie, poi l'albero e le luci, poi addobbi pacchiani per tutta la casa. E lo so che il Natale dovrebbe essere altro ma se è un modo per sentire gioia, per sorridere e star bene ... allora che male c'è?!

Dunque, dopo tutte queste informazioni assolutamenti inutili, vi saluto con un abbraccio fortissimo e ci rileggiamo presto con post spero un tantino meno noiosi :D


P.S. Un saluto anche dalla gatta matta che sta russando fastidiosamente qui accanto :D



35 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. (Riprovo dopo un po" di proofreading!!)
    Che bello leggerti!
    Ti faccio delle domande curiose (tu mandami pure a quel paese)..
    In cosa Alex è stato coraggioso?
    Mi stupisce questa tua passione per il natale e anche quella di Alex. Mi immagino che la tua passione nasca dal tuo natale da bambina in famiglia e che poi l'hai trasmessa ad Alex? (E tuo marito, anche lui amante della festa?)
    Sto riflettendo sulla visione di natale che voglio/posso trasmettere. E di più da quando il Pistacchio è tornato dal nido ripetendo père Noël - père Noël. Non capisco a fondo perché l"amore per il magico sia cosi importante per i bambini e "non mi sento intera per questo" (non saprei come altro dirlo)
    Che commento curioso-misto confuso...
    Ben tornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità sono domande più che normali :)
      Coraggio forse è una parola poco adatta, si tratta di cose piccole tipo alzare la mano e chiedere di essere interrogato, ma considerando il suo stile a scuola mi ha stupito, è riuscito ad andare oltre alcuini suoi schemi consolidati e spero continui a farlo anche dopo il rientro della sua maestra.
      Sul Natale non so che dirti, non ho ereditato questo amore dalla mia famiglia di origine, è venuto dopo, da ragazzina immginavo festività piene di luci e parenti come in alcuni storici film. Forse proprio perché non li avevo e non è che adesso sia tanto diverso, posso solo creare la sceneggiatura ma mi rende felice lo stesso.
      Alex non è bambino in quasi nulla, è incapace di "far finta di" quindi il discorso è più complicato. Alla fine credo che per entrambi sia una sorta di specchio, in cui la realtà diventa più bella, più luccicante, più colorata ... anche se è solo finzione per un po' funziona! Non so se mi sono spiegata ... temo sia diventata introspezione psicologica :D

      Elimina
    2. Ops ... mio marito mi ha sgridato perché non ho risposto alla domanda su di lui ... dice che non sente più le festività con la leggerezza di un tempo, ma direi che si sta impegnando parecchio per trovare il regalo (assolutamente inutile) che farà a suo figlio (ossia a se stesso) :)

      Elimina
    3. Una stampante 3D non mi sembra così inutile

      Elimina
  3. Ma ciao a te :-))) ben ritrovata!
    Non è affatto inutile questo uto post, anzi: ci ha fatto rientrare nella tua realtà, nella tua vita.
    Aguri a tuo papà, che è venuto fuori da questo periodo orrbile e che ora deve riprendersi la sua vita, pur con magari con delle differenze rispetto a prima. Ma il vostro rapporto si è arricchito e questo è un frutto positivo della sofferenza, vero?
    Alex sempre speciale, c'è un'altalena continua... Ricordi il mio mantra "Per ogni su c'è sempre un giù, per ogni men c'è sempre un più"? (Mago Merlino docet!)
    Ecco, ricordiamocelo insieme e andiamo avanti sempre, Marzia!

    Bacioni e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maris, mai come stamattina devo ripetermi il tua mantra per evitare di esplodere, mio figlio è in piena forma da iena e io mi nascondo a scrivere che è meglio!
      Un abbraccio forte a voi <3

      Elimina
  4. Bentornata!
    Anche io amo molto il Natale, le luci, la magia. È bello che ci sia questa cosa che ti unisca ad Alex.
    Tanti auguri al tuo forte papà.
    E ancora: bentornata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! La magia ... ecco è questo che amo ritrovare ogni anno per vedere per un po' tutto con gli occhiali rosa.

      Elimina
  5. Bentornata e condivido con te il piacere e la bellezza di questo mese!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in tanti che amiamo il periodo, allora! Molto bene, i pensieri allegri sono contagiosi e questo è l'unico contagio che vorrei a Natale ;)

      Elimina
  6. Ehi, ciao! Bentrovata e che piacere rileggerti! E poi altro che cos'è noiose, Marzia. Mi pare da quello che scrivi che tu sia piena di energia e anche di un tantino di ottimismo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che proprio ottimista ottimista non sono ma cerco di vedere il bicchiere mezzo pieno almeno per un po' ogni giorno, mi sto riallenando alla positività. Questi sono stati anni abbastanza duri e alla fine ci si adagia anche nel veder buio, ora almeno me ne rendo conto e provo a cambiare prima di diventarmi insopportabile!

      Elimina
  7. Bentornata!
    Come sono felice di rileggerti!
    Ti sento piena di energie, ne sono molto felice. Ti ho pensata tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i tuoi pensieri li ho sentiti tutti! Un abbraccio fortissimo ... ma quando venite a trovarci?!

      Elimina
  8. Che bello ritrovarti e leggerti!!!
    Dicembre per me è un mese dai sentimenti ambivalenti, ma da qualche anno a questa parte vince la positività e la gioia ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella vita tutto è duplice e ti capisco benissimo, talvolta nell'eccesso di gioia ostentata si ha solo voglia di starsene in silenzio. Ma poi viene sera e tutte quelle luci mi riempiono gli occhi e il cuore, non posso farci niente!

      Elimina
  9. Sono davvero felice di ritrovarti Marzia e di ritrovarti a casa tua ancora di più.
    Mi fa piacere sapere che tuo padre è tornato a casa, che è forte e determinato e che tu hai trovato in questa tragedia un modo nuovo (più scoppiettante e più immediato) di stare con i tuoi.
    Quanto ad Alex, mi colpisce molto ciò che scrivi sul procuragli una "palestra di difficoltà", mi sembra un bell'approccio, condivisibile per quanto non così diffuso, soprattutto perchè, se non capisco male il suo rendimento non è in discussione, mentre si sente più insicuro su altri fronti. E invece, io credo, tutto si tenga.
    Ah e W il Natale, anzi, W il periodo dall'Avvento alla Befana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così, il suo rendimento è sempre ottimo ma lo ottiene senza alcun impegno e non ha mai imparato il senso "dell'allenamento". Potrebbe impararlo altrove, tipo con uno sport, ma per ora ha ancora parecchie difficoltà nelle attività condivise quindi vorrei provarci almeno con la scuola. Dici che sia originale come approccio? Non ci avevo pensato ma credo che dargli un argine sul fronte cognitivo lo potrebbe costringere a compensare proprio con strumenti che si trovano in altri ambiti ... almeno spero!

      Elimina
    2. Diciamo che, per la mia esperienza, la maggior parte dei genitori cerca di evitare ai figli ogni inciampo, senza rendersi conto che a cadere e rialzarsi si impara da piccoli.

      Elimina
  10. Bentornata!!! Cerca di tenere l'uscio un po' più aperto, magari qualche post esce fuori ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! L'uscio è aperto ma anche l'ascia non se la passa malaccio :D
      Ma cercherò di tenere a bada entrambi, scrivendo è più facile.

      Elimina
  11. Sono contenta di ritrovarti e di sentirti più serena e più carica. mi sei mancata. Sappi che ti ho pensata.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Raffaella, ti leggo sempre anche se compaio poco, hai tanti pensieri affini che mi aiutano a razionalizzare, e adesso ne ho tanto bisogno.

      Elimina
  12. ciao MARZIA!!!!!!!!!!!!!
    felicissima del tuo ritorno, felicissima di aver avuto notizie di papà
    e anche del mio amico Alessandro
    penso tu faccia proprio bene a tornare al tuo blog, perchè adoro leggerti!
    Anche io amo il Natale e quest'anno non so perchè ma lo sento già ora
    Se percaso fate un saltino il 21 ci sarà un piccolo mercatino di Natale e poi alla sera...la recita dei bambini del oratorio
    quest'anno non mi vestirò più da befana perchè penso di aver già dato gli scorsi anni, quindi Alex non mi vedrà con il nasone da strega e la gobba, ma sarà un piacere riabbracciarvi
    se invece non riuscite....stiamo già organizzando la fiera di maggio e li vi aspetto di sicuro e magari anche con i nonni, così sarà un onore conoscere un grande uomo come il tuo papà
    per ora un bacione grande Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria! La tua energia è contagiosa!
      Mi piacerebbe tanto venire ad abbracciarti il 21 ... vediamo un po' come procedono le cose, poi ti faccio sapere. Un abbraccio!

      Elimina
  13. Che bella la tua gatta.
    Finalmente tuo papà è uscito dall'ospedale, rientrare a casa tra le sue cose, le sue abitudini e i suoi affetti non potrà che fargli bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! E' una smorfiosa principessa ma io l'adoro quando dorme a bocca aperta ;)
      Sì, per fortuna piano piano si tornerà ad una sorta di nuova normalità, un nuovo inizio, almeno cerco di vederlo così ...

      Elimina
  14. oh ma che gran regalo ritrovarti, un Natale o compleanno in anticipo!! Un bacione grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra poco tu e il mio ometto festeggerete, dicembre è una meraviglia! Un bacio e buone vacanze anticipate <3

      Elimina
  15. Anche tu ci sei mancata!!! Contenta di sentire che tutto va meglio x tuo padre! Un abbraccio ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con tanta pazienza si va avanti, ci accontentiamo di piccoli traguardi perché sappiamo quanto sia stato duro raggiungerli, grazie!

      Elimina
  16. Ciao un abbraccio forte, contenta che va tutto un po' meglio :) baci

    RispondiElimina
  17. Marzia cara ma sai che ti avevo lasciato un commento con tanto di feste e benvenuto? E' sparito! Ma la cosa importante è che sei qui <3

    RispondiElimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...