domenica 21 settembre 2014

Arrivederci


Io amo questo blog, sono quasi tre anni che è parte della mia vita e mi ha permesso di fare cose che mai avrei immaginato. Ho imparato tanto su di me, ho superato tanti limiti, ho conosciuto virtualmente e personalmente persone fantastiche.
E sono certa che questo accada a tutti i blogger, anche i più piccini e incostanti come me.
Soprattutto amo mettere contenuti qui dentro, che sia il mio burrascoso percorso di madre o letture speciali o iniziative. Questo ha fatto nascere tante belle discussioni, dentro e fuori il blog.

Ma per farlo come piace a me ci vogliono tempo, pensieri dedicati, animo predisposto. E adesso ho poco di tutto. È un dato di fatto, ogni giornata è occupata per circa 10 ore dal lavoro – impegnativo - poi c'è un bambino ad alto bisogno e in rapida crescita (e la cui amata maestra sarà assente per parecchio a causa di una brutta frattura al piede …), poi c'è mio padre sempre in ospedale e destinato a veder radicalmente modificata la sua vita.
Odio fare la lagna, ho vissuto periodi peggiori e ho la forza necessaria per tenere insieme i pezzi. Semplicemente - oltre agli impegni quotidiani - ho bisogno di silenzio, di leggere e assorbire energia, di formulare immagini con il solo scopo di rispondere alle mie nuove domande.
Sto leggendo un libro meraviglioso e terribilmente complesso, Il potere di Adesso, di Eckart Tolle.
Ci trovo dentro incredibili spunti di discussione che sviluppo con mio padre, parliamo di vita, morte, amore, di evoluzione spirituale e illuminazione. Sono momenti preziosi e unici, il centro dell'uragano in cui si riesce a stare in perfetta pace mentre tutto attorno esplode.
Voglio davvero provare a vivere nel presente, recuperare attenzione per le persone e le cose, lasciare andare tutto ciò che non mi assomiglia più.
Per questo ho bisogno di stare in silenzio per un po', di far sedimentare le emozioni forti di questa estate, di dedicare vera attenzione a me. E poi tornare con nuove esperienze e nuovi contenuti, magari vi potrò dire se quel libro ha senso oppure no. Perché la teoria è fantastica ma poi occorre pulire la rabbia e il disagio, lo scollamento tra mondo interiore ed esteriore. Questa è la vera sfida! Significativa è la copertina del nostro giornalino aziendale di questo bimestre, la farfalla e l’unica parola in evidenza “CHANGE” …

Ci ritroveremo sicuramente nelle vostre "case", mi terrò aggiornata, non vado proprio in letargo :-)

Come sapete sono molto riservata riguardo alle fotografie, non ne pubblico mai della mia famiglia, so che a loro non farebbe piacere. Ma farò un'eccezione perché ieri ho festeggiato un compleanno speciale, che ha rischiato di non esserci e che mi ha regalato questo sorriso!



Quel pollice alzato rende il senso del grande amore prova per me, perché io lo so quanto è dura per lui cominciare a capire e continuare a dirmi che ce la farà anche questa volta, che si plasmerà alla nuova realtà.
Lui è Manny Tuttofare, un cuoco eccezionale, un artigiano del legno che inventa oggetti ... ma la sua mano destra non lo potrà più aiutare, l'artrosi provocata dal grande danno al braccio gli permetterà ben pochi movimenti, dopo anni di fisioterapia.
Adesso lo sa, eppure la luce nei suoi occhi resta.
Nei momenti di silenzio, quella luce è la mia guida e faccio grandi passi avanti verso le mie risposte, o almeno verso le giuste domande.

Un arrivederci a presto a chi ha l'abitudine di passare da qui (vi voglio bene, lo sapete!) e anche a chi passa per caso.
Sono certa che avrò tante belle cose da raccontarvi, magari con gli auguri di Natale!

Un abbraccio forte forte!

31 commenti:

  1. Oh no, bè un abbraccio. Spero che troverai comunque un po' di tempo, magari per un salutino veloce.
    Un abbraccio anche al tuo fortissimo papà, è dura, ma è ancora con voi! Non è fantastico?

    RispondiElimina
  2. Arrivederci! Trova il tuo tempo ed il
    Tuo spazio, pero' poi torna, mi raccomando che noi ti aspettiamo!

    RispondiElimina
  3. Ti auguro che la pausa possa servirti per tornare un po' più ricaricata.
    Auguri a tuo papà, affinchè possa recuperare il più possibile. Troverà spero il modo di utilizzare magari solo la sinistra, l'importante è che sia ancora con voi.
    Un abbraccio!
    Anna

    RispondiElimina
  4. Pensare un po' a sè stessi è la miglior cosa che si possa fare per gli altri.
    Buone "ferie" allora ed un grande in bocca al lupo per tutto..

    RispondiElimina
  5. Dolcissima Marzia forse un po' me lo aspettavo per via dei tuoi numerosi impegni di vita che hai descritto e per via dei tuoi post sempre più diradati. Posso solo dirti che mi dispiace moltissimo non poterti leggere anche se ti auguro di poter prendere in mano il tuo tempo per correggere il tiro storto che questa vita a volte ci lancia. Grazie per averci donato la fotografia del tuo papà e per averci regalato quella "luce" negli occhi che ti ha trasmesso tanto amore. Ho sempre imparato molto qui da te e non lo dimentico.
    Quando passi per i blog avrò tanto piacere leggere le tue parole tra i miei commenti fosse anche solo per scrivere un 'ciao!'.
    Un forte abbraccio a te ed ai tuoi cari.

    RispondiElimina
  6. Marzia. Dovrei riuscire ad essere solo felice, di questo tuo saluto che significa certo fatica, ma anche presa di coscienza del presente. Capisco bene che è uno dei punti di arrivo del tuo cammino, che però deve continuare più agile, senza il "peso" del blog. Lo capisco bene. Non riesco a fare a meno di essere anche triste, perchè mi mancherai, perchè egoisticamente mi sei già mancata.
    TI auguro tutto il meglio e lo so, ti leggerò di nuovo qui o altrove e ti penserò, queste lacrime di commozione sono stupidine. Ti voglio bene anche io. E ti abbraccio forte forte prima che tu prosegua il cammino

    p.s. Ti stavo pensando giusto stamattina, volevo andare a cercare di quella volta che si parlava di bambolotti (sono appena andata a rileggere) il post. Perchè pochi giorni fa ne ho preso in braccio uno e ho pensato al valore metaforico di quel mio bambolotto perduto.

    RispondiElimina
  7. no. mi piaceva tanto passare di qui. Mi hai aiutata in modi che non pensavo. Mi hai fatto riflettere molto e questo è sempre un bene. Grazie di cuore. Ti auguro il meglio anch'io. Un abbraccio di cuore.

    RispondiElimina
  8. Io ci conto sul fatto che sia un arrivederci.
    Buona fortuna

    RispondiElimina
  9. Ho subito capito dove andavi a parare, e dapprima ho pensato "nooo, un altro che chiude, ma cos'è un'epidemia, oppure dopo tot di anni trac ci si stanca e ciao?" Ma con te è diverso, hai sempre scritto post molto articolati ed è davvero logico che ora ci sia meno tempo per farlo. Sono felice di leggere che passerai dai blog amici e non ci perderemo. Abbraccio te, Alex, tuo marito (sempre nell'ombra) e soprattutto questo tuo papa' che sorride nella tempesta e dà lezione a tutti, senza saccenza, soprattutto a me. Un carissimo arrivederci. Sandra quella dei libri

    RispondiElimina
  10. Marzia, grazie! Grazie, grazie, grazie! Mi hai donato tanto in questo tempo in cui ci siamo seguite a viocenda sui nostri blog.
    E mi hai donato tantisismo con la foto di tuo papà, che sono lietissima di vedere sorridente pur tra la sofferenza, le cure, le paure e i dubbi sul futuro.
    Io ci ocnto di non perderti, eh? Passa a trovarmi quando puoi e vuoi e se ritornerai a scrivere qui io ci saràò senz'altro a leggerti....in prima fila davanti al monitor del pc :-)
    Ti abbraccio con tanto affetto, in bocca al lupo per tutto e tante cose belle per il tuo Alex!!

    RispondiElimina
  11. Vedere tuo papà mi ha commossa.
    Un abbraccio a tutti
    Arileggerci, si può dire?

    RispondiElimina
  12. Ciao Marzia! Solo ciao dai....lungi dal dover essere un impegno pure il blog...e ci manca pure questo! Un abbraccio ♡♡♡♡
    Vado a curiosare di che parla il libro che stai leggendo, se non ricordo male ti ho conosciuta grazie alla tua recensione di un libro sugli angeli ;-D

    RispondiElimina
  13. Marzia Marziuccia che bello risentirti! Controllo questo blog quasi ogni giorno. E' più forte di me, sono diventata marziadipendente :-) A parte gli scherzi sono contenta di sapere che tuo padre sta recuperando e mi fa piacere vederlo sorridente in questa foto. Un'iniezione di ottimismo per tutti!!!! Ringrazialo da parte mia. Mi dispiace per la maestra di Alex. Spero che riuscirà a entrare in sintonia anche con la supplente...so che non è semplice. D. in due anni ha cambiato 5 maestre, con alcune è andata bene con altre malissimo. Ora finalmente si è assestato con la titolare di cattedra. Incrocio le dita per Alex! Flo

    RispondiElimina
  14. Cara Marzia arrivederci. A te che mi hai fatto capire moltissimo di mio figlio e che mi hai aperto gli occhi sul mondo dei bambini apc. Grazie!

    RispondiElimina
  15. Mi piace l’idea dell’arrivederci perché lascia aperta la porta. Credo che un blog debba essere prima di tutto un piacere per chi lo scrive, ancor prima che per chi lo legge.
    Dire “mi dispiace” sarebbe sciocco, se non stupido, da parte mia considerando la situazione. E non sia mai, al di là di tutto il web che ci circonda e dal quale ci facciamo circondare volontariamente, che il virtuale tolga tempo alla realtà.
    Magari ci rileggeremo tra qualche mese, con più calma. E poi lo dico sempre, un blog non è per sempre. Almeno per come lo intendo io.
    Un abbraccio a te e a tutta la tua famiglia. Un grande “in bocca al lupo” a tuo padre. Un pensiero speciale per Alex.

    RispondiElimina
  16. Il volto sorridente di tuo padre è splendido! Una forza!
    Ti abbraccio, capisco il tuo momento, ma non sparire del tutto.....

    RispondiElimina
  17. Mancherai. Davvero.
    Un abbraccio forte a te e a tutta la tua famiglia.

    RispondiElimina
  18. Cara Marzia, arrivederci! Grazie di tutto quello che ci hai comunicato e insegnato, grazie di aver condiviso con noi il sorriso di tuo padre e tutti i preziosi spunti di riflessione. Capisco il senso di rituffarsi nella vita senza sentire la "zavorra" del blog, che, se curato con profondità come hai sempre fatto tu, richiede tempo e energia mentale. Per il resto sarò felicissima quando e se tornerai. Intanto, buona vita e tanti auguri a tuo padre e a tutta la tua famiglia.

    RispondiElimina
  19. Oh, ma come?!
    Ma sono tanto felice per il tuo papa'. Bacio a te e Alex.

    RispondiElimina
  20. Un grande grazie a tutti, il vostro abbraccio è arrivato fortissimo!
    Certamente non sparirò, leggervi è un'abitudine che non desidero perdere, magari sarò più "silenziosa" ma presente.
    Poi le cose prenderanno una nuova normalità, spero, papà dovrebbe tornare presto a casa per un po' dove sarà più difficile seguirlo per le cure ma almeno potrà stare tra le sue cose.
    Insomma tutto fluisce ma questo mio posticino vorrei recuperarlo, sto facendo tante esperienze e chissà che anche queste non potranno tornar utili a qualcuno :-)
    Vi abbraccio di nuovo!

    RispondiElimina
  21. Cara Marzia tu sai che io sono sempre là e ti aspetterò anche il prossimo anno, e ti abbraccerò e chissà se per allora tu porterai anche un uomo tanto speciale
    ti verrò a trovare qui anche se non leggerò post nuovi, ma passerò per chiederti come stai
    Grazie MArzia per tutto quello che mi hai dato e che mi darai per la tua amicizia e per quella con tuo figlio
    un bacio affettuoso Valeria

    RispondiElimina
  22. Un grande abbraccio. Continuo a seguire il blog lo stesso in attesa di buone nuove e soprattutto perché mi piace tanto leggerti.
    Salvatore, il tuo ex collega

    RispondiElimina
  23. E' la prima volta che passo di qua.... c'è molto da riflettere in quello che ho letto. Ho fatto click quando ti ho visto da Valeria.... Sono senza parole, ogni persona che ho incontrato virtualmente con il blog, ha una sua storia.... storie molto spesso tristi. Ma c'è tanta speranza nelle tue parole. Ti mando un dolce abbraccio, un sorriso, e auguri al tuo papà. Alessandra.

    RispondiElimina
  24. Io aspetto, eh!
    Intanto vedo di leggere il libro e ti auguro cose bellissime.
    P.S. E al tuo papà: buon compleanno!

    RispondiElimina
  25. Marzia cara non sai quanto sento mie ogni tua parola. E' stato un anno difficile per me e so bene come ci si sente quando non si puo' dedicare tempo alle cose che amiamo. Mi hai dato tanto con i tuoi post e le tue riflessioni che ogni volta i anno scavato dentro. Ma io ti aspetto perchè so che ritornerai. Intanto ti abbraccio

    RispondiElimina
  26. Lo sguardo del tuo Babbo arriva dritto al cuore.
    Ti scriverò e un giorno verrò a trovarti, sappilo :)
    Intanto ti abbraccio con tanto affetto e stima.

    RispondiElimina
  27. Io ti posso solo ringraziare!
    Un abbraccio forte a te e alla tua famiglia!

    RispondiElimina
  28. Dopo ogni “esplosione di collera” del mio cucciolo ormai dodicenne, avevo preso l'abitudine di “passare” da te, per sentirmi meno sola... per cercare di capire cosa vogliono da noi i nostri figli ad alto bisogno, o meglio se è completamente giusto quello che noi vogliamo da loro.
    Ti ringrazio per tutto quello che con le tue parole hai donato alle mamme come me. Io non sono altrettanto brava, ti ho scritto raramente ma ho trovato spesso conforto in questo luogo virtuale ma “vero”.
    Ti auguro Buona fortuna per tutto, per il tuo papà per il tuo bambino.. per te.
    Un abbraccio
    Ciao
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e anche ai padri...
      concordo su tutto...

      esiste già un'associazione "genitori ragazzi esplosivi"?

      Elimina
  29. Porca miseria adesso mi rendo conto di quanto tempo e` passato dall'ultima volta che ho fatto un blogroll e mi sono aggiornata con tutte le persone che seguo. E sai una cosa Marzia? Ti capisco fino in fondo con tutta me stessa. Se non sono stata molto presente e` per lo stesso tuo motivo (incredibile questa cosa!) e anch'io ho bisogno di metabolizzare prima di scrivere, le mie frequentazioni nel blog sono calate paurosamente per mancanza e soprattutto ridistribuzione del tempo disponibile. Anche io ho un papa` che ha piu` bisogno adesso e sempre di piu` purtroppo finche` il Signore ce lo lascera` qui. Ti abbraccio fortissimo!
    Scake

    RispondiElimina
  30. Un bacione cara Marzia! a presto!

    RispondiElimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...