giovedì 17 luglio 2014

Vite eroiche

La scorsa settimana scrivevo di dolore e vite fragili.
Ringrazio di cuore per i pensieri e le belle parole che ho ricevutoe mi scuso per non aver risposto ad ognuno, come amo fare di solito.

Ma la vita ha modi bizzarri e crudeli per farci rimettere in ordine le priorità.
Domenica ho di nuovo rischiato di perdere il mio papà.
Un imprevisto, una distrazione e la solita e conosciuta motozappa gli ha sbranato un braccio.

Solo per combinazione lo abbiamo sentito, mio marito ha avuto la freddezza di prestare il primo soccorso e poi è stato il caos di ambulanze, vigili del fuoco, elisoccorso e ospedale. Abbiamo incontrato tanti angeli, professionisti capaci che hanno salvato la vita di mio padre e ci hanno trattato con enorme umanità in un momento di assoluto panico.
E tra loro tre donne incredibili: i due medici dell’elisoccorso e il microchirurgo coraggioso che ha deciso di provarci - nonostante la situazione tragica - a salvare il braccio oltre che l'uomo.

Ringrazio mio padre per la sua immensa forza, è sempre stato cosciente e non si è mai lamentato, neppure una volta durante tutta l'ora che ci hanno messo per liberarlo e metterlo sul l'elicottero.
Ringrazio mio marito che ha passato con lui i 15 minuti più lunghi del mondo, con davanti una scena straziante, e lo ha fatto al posto mio perché io non sarei stata capace di sopportarlo.
Ringrazio mio figlio che è rimasto in casa tranquillo, mi ha aiutato a sistemare quel minimo e a percorrere la lunga strada fino a casa con l'auto di mio padre sostenendomi con un abbraccio e un sorriso.
E ringrazio ancora i fantastici soccorritori che ci hanno permesso di trasformare la tragedia in speranza.

E ora arriva la parte più dura, l’attesa.
Solo il tempo dirà se il miracolo si è compiuto, anche se in verità è già così, ci sono già state così tante coincidenze e competenze che si sono unite per salvare la vita a quest’uomo speciale che io amo immensamente e che sono orgogliosa di avere accanto.

Mio padre sta lentamente metabolizzando, sa che sarà comunque lunghissima, almeno 2 mesi di ospedale e altri interventi. E questo nella più felice delle ipotesi. Per una persona attiva come lui questo è l’aspetto peggiore, più del dolore e la perdita in sè.
A vent'anni esatti dal tumore è sottoposto ad un'altra prova difficile e io vorrei solo poter tornare indietro e buttare quella macchina maledetta che si è macinata le nostre vite.

E vorrei poter piangere sul serio, per lavare via le tossine della paura che mi tornano addosso di tanto in tanto e mi lasciano senza fiato. Ma in ospedale con i miei genitori davanti non posso, a casa con mo figlio davanti non posso, al lavoro ancora meno ... mi dovrò fermare e darmi il tempo di soffrire fino in fondo, per riemergere dalla fase di emergenza.

La vita è davvero fragile, basta un secondo per vedere crollare il proprio mondo.
Ma sa essere anche eroica, per il coraggio che ti costringe a tirare fuori, per l’esempio di chi – nella quotidianità – rende migliore il destino altrui.

Se vi scappa un pensiero buono o una preghiera, io lo prendo con gratitudine.
Vi aggiornerò.

22 commenti:

  1. Non c'è mai fine alle difficoltà che dobbiamo affrontare nè alla forza e al coraggio che ci sono richiesti.
    Ti mando un pensiero buono, una preghiera per voi e un abbraccio
    Flo

    RispondiElimina
  2. scorza tenace, tuo padre.. ecco da chi hai preso!

    un forte augurio di pronta e completa ripresa...

    e tu stai su, neh!

    RispondiElimina
  3. Ciao cara Marzia, è commovente che tu abbia condiviso qui questo momento della vita.
    Sei circondata da gente meravigliosa e forte.
    Tienici aggiornati così ci sembrerà di starti più vicino.
    Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Che spavento immenso! Tutti i pensieri migliori per te ed il tuo papà, un abbraccio stretto Roberta

    RispondiElimina
  5. Un pensiero affettuoso ed una preghiera per tutti voi.
    Tenete duro, la strada e' lunga, e in salita, ma l'amore e la volontà Fanno già metà del percorso. Un abbraccio.
    Chiara

    RispondiElimina
  6. Carissima, ti tengo nel cuore insieme al tuo papà e prego perchè questi mesi di attesa e cure diano frutti positivi!
    Meno male che ci sono professionisti capaci e coraggiosi, ce ne vorrebbero di più.
    Aspetto poi aggiornamenti! Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  7. pregherò per lui, questa sera, anche se non so se le mie preghiere possano essere ascolate, pregherò per te perchè tu possa essere forte, e che tu possa lasciare andare la tua tensione in un pianto liberatorio per poi trovare una forza ancor più grande
    pregherò per la tua famiglia per tua madre, e anche per tuo figlio
    perchè l'unica cosa che in questo momento può farti sentire che ti sono vicina è la mia preghiera
    un bacio virtuale ma il più affettuoso che possa mandarti Valeria

    RispondiElimina
  8. Ti abbraccio fortissimo e ti porto nel cuore.

    RispondiElimina
  9. "La disgrazia di non piangere è una delle più crudeli ne' sommi dolori."
    Piangi. Quando vuoi, quanto puoi. Perché come amo sempre dire in queste situazioni, usando un'altra citazione, "ricorda che sopra tutte le nubi splende sempre il sole".
    Un'abbraccio speciale, Marzia, ai quattro grandi eroi: tu, il tuo papà, il tuo meraviglioso marito il mio Alex preferito. E a tutti gli altri eroi di questa vicenda.
    Monica

    RispondiElimina
  10. Santo cielo, Marzia. ..
    Pensieri dolci e buoni per voi. Tanti abbracci strettistretti. Portane uno al tuo papà, non deve essere semplice quello che ha già sofferto e il periodo che verrà.
    Piangere dovrebbe essere un diritto inalienabile, spero ti sarà possibile.

    RispondiElimina
  11. Vi ringrazio tantissimo per tutti gli abbracci e i pensieri.
    Ieri abbiamo avuto le prime buone notizie, il chirurgo che ha operato mio papà lo ha visitato e si è dichiarata molto soddisfatta del decorso. La strada è ancora molto lunga ma l'umore è migliorato tantissimo.
    Mio padre si è finalmente lasciato andare in un bel pianto liberatorio mentre ringraziava questa donna fantastica che tutto il reparto rispetta per la professionalità che dimostra in casi disperati ... e quanti ce ne sono!
    Adesso si continua con le terapie e ad ogni giorno che passa noi si fa un passo avanti verso la speranza di un buon recupero funzionale.
    E io ringrazio e ringrazio, ho passato l'ultimo anno ad imparare come fare e adesso so quale potere ha la gratitudine.

    RispondiElimina
  12. Vedo solo ora e vi stringo forte.
    Purtroppo la vita in campagna può fare di questi brutti scherzi, ma tuo padre è forte, come te, e sicuramente sarà determianto e paziente nella fase del recupero.
    Trova un posto dove lasciare fluire la paura ed il dolore e dà un bacio ad Alex ha saputo sostenere la sua mamma

    RispondiElimina
  13. Siamo veramente appesi a un filo. Non so perché non ci pensiamo mai approfonditamente, o almeno sembriamo non farlo. Forse perché è veramente insostenibile il solo pensiero.
    Un abbraccio e il mio pensiero più buono.

    RispondiElimina
  14. Oh mamma. Non so cosa dire se non Oh mamma.
    Un abbraccio forte forte a te e al tuo papà. Sarete nei miei pensieri per i prossimi due mesi ed oltre!

    RispondiElimina
  15. Che brutto incidente. Auguro a tuo papà che si riprenda il meglio possibile e a te di avere tanta forza, ma tanta tanta tanta.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Oddio leggo solo ora Marzia, ti abbraccio e ti arrivano tutte le nostre preghiere più sentite. Non riesco neanche a crederci una roba troppo tremenda. Sandra frollini

    RispondiElimina
  17. Tanti pensieri positivi per il tuo papà! Immagino lo spavento e mi auguro che la terapia porti ad ottimi risultati!

    RispondiElimina
  18. Leggo solo ora...un abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  19. Cara Marzia, ti penso e ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  20. ...oh buon cielo che faccenda terribile...
    spero si risolva tutto

    RispondiElimina
  21. Vedo solo ora, forza e coraggio, andrà bene! <3

    RispondiElimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...