mercoledì 23 luglio 2014

Domani e per sempre

Domani è il mio compleanno.
Per la prima volta da anni non mi viene da fare bilanci, neppure uno.
Scrivo dalla stanza di un ospedale, mio padre è stato di nuovo operato e dorme davanti a me.
Guardo il Po che scorre laggiù e la pioggia che cade nel buio di questo pomeriggio senza estate.
Lui sta combattendo come un leone, era felice quando è tornato dalla sala operatoria perché il suo braccio è ancora lì, qualche speranza c'è ancora e i medici si stanno dannando per aiutarlo, altro che Malasanità.
Siamo nel più grande ospedale traumatologico piemontese, ben 16 piani di storie, il risultato di tanti minuscoli secondi che per sfortuna, disattenzione, casualità, cattiveria (o un mix di tutto) hanno cambiato la vita di una persona, talvolta per sempre.

Arrivano in media due elicotteri al giorno, tutti casi gravi, quindi il personale è abituato a lavorare in emergenza.
Non è la prima volta che passiamo tanto tempo in ospedale, è già successo varie volte per entrambi i miei genitori ma qui sento un'energia diversa, una determinazione e una capacità di lavoro in team veramente straordinaria.
Stamattina ero a pezzi, senza speranza, ma dopo qualche ora qui mi sento meglio, vedo ancora una possibilità di uscirne con mio padre tutto intero.
Non sono sciocca, so che questa cosa cambierà - di nuovo - la sua vita per sempre ma se riuscisse a vincere la battaglia ne sarebbe orgoglioso. Perché davvero sta facendo tutto lui, parla con i medici, descrive il suo stato, concorda i passi da fare ... oggi era così contento di questa nuova operazione, della "pulizia" tanto  dolorosa eppure per lui un regalo e un calcio che sposta ancora una volta in avanti le brutte notizie.

Domenica ho trascorso con lui il pomeriggio, abbiamo parlato moltissimo come non succedeva da tanto tempo. Mi sono chiesta perché, possibile che solo la malattia riesca a farci fermare? Diversamente pare che stare tre ore fermi a chiacchierare sia una incredibile perdita di tempo, che ci sia sempre qualcosa di più importante da fare.
Ma non c'è, si dovrebbe amare come prima cosa, prima ancora di desiderare di essere amati.
Sul comodino di mio padre c'è un libro di Osho, In amore vince chi ama, e ne ho letto un po' oggi.
"L'amore non è una quantità, è una qualità, ed è una qualità di tipo particolare: cresce quando la si dona, e muore se la si trattiene".
"È una legge di natura: si riceve ciò che si dà. Di fatto, si riceve molto più di quanto si dà."

Ecco in questi giorni io e mio padre ci stiamo amando molto, come  quando ero bambina. E so che sta lottando così tanto perché vuole essere più presente per suo nipote, vuole recuperare il tempo e aiutarmi nel farlo aprire al mondo ... e all'amore.
Possiamo essere un buon esempio, sì un gran bell'esempio di anime che crescono insieme.
Siamo insieme da esattamente 44 anni e ne abbiamo passate tante, passeremo anche questa anche a costo di scomodare un miracolo. Lo so.



P.S. Grazie per tutti i messaggi e le email, nelle lunghe ore di attesa scaldano il cuore.
        Per ora non riesco a pensare a molto altro che non sia papà e scrivere mi sostiene,
        perdonate la cupezza. Anche questa so che passerà.


24 commenti:

  1. Sono stata assente dalla blogosfera per parecchio, mi dispiace davvero sentire queste brutte notizie, ma percepisco nelle tue parole una grande forza , speranza e determinazione! Vi auguro di lottare sempre cosi, insieme!

    RispondiElimina
  2. Cara Marzia da questa triste esperienza stai davvero traendo il meglio: il dialogo con una persona cara e la conferma che amare è la cosa più importante.
    Imparo ancora una volta che da una brutta esperienza se ne può uscire arricchiti.
    Un caro saluto!

    P.s.: Accudendo a tuo padre abbi anche cura di te stessa, così sarai forte!

    RispondiElimina
  3. Cara Marzia, è il cuore che ti porta così vicino a tuo padre, è la cosa più giusta in questo momento. La vita purtroppo più spesso è fatta da ostacoli da superare. Vi auguro di arrivare oltre l'ostacolo e superare il momento.


    Auguri, a te, anche se sicuramente in ritardo!

    RispondiElimina
  4. La vita vi ha messo alla prova ma questo vi ha unito e permesso di riprendere le fila. Auguri di buon compleanno e un po' di serenità!

    RispondiElimina
  5. Speriamo che papà si riprenda presto e il meglio possibile. La sofferenza avvicina le persone, ti obbliga a fermarti, a fare bilanci.
    Auguri per oggi, anche se non sarà una giornata felice e spensierata.

    RispondiElimina
  6. Ieri e' oggi ed il tuo compleanno e' arrivato! Auguri cara Marzia, con tutto il cuore!

    RispondiElimina
  7. mi hai fatto venire i brividi.
    il miracolo, se serve, si scomoderà: non resterà indifferente a tutto questo amore

    (auguri in ritardo!)

    RispondiElimina
  8. Cara Marzia in bocca al lupo per tuo papà; sta dimostrando una grande forza e questo è importante, vorrei tanto che anche il mio papà ne trovasse altrettanta.
    Un grandissimo abbraccio e tanti auguri per il tuo compleanno.
    Simona

    RispondiElimina
  9. Gli auguri per il tuo compleanno io te li faccio di cuore, Marzia. Non festeggerai sorridendo, ma è un giorno comunque importante e perciò ti ripeto: auguri, di cuore!
    Il legame col tuo papà in questi giorni dolorosi si è rinsaldato, almeno una cosa positiva in tanta sofferenza e angoscia dopo questo incidente. Forza,, continuate insieme questo cammino, sperando per il meglio!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Vi sono vicina con tutto il cuore.

    RispondiElimina
  11. MArzia sei una grande donna accanto a un grande uomo
    Dinanzi a tutto questo io mi sento tremendamente piccola, io che sto sempre a lamentarmi per ogni "bubu"
    e invece qui leggo di un uomo forte, tanto forte e pieno di speranza, intravedo in lui il mio papà anche lui ha sempre dimostrato una grande forza
    immagino come siano lunghe le ore in ospedale, sopratutto quando il tuo papà è sotto i ferri
    sono contenta che tu ti trova bene in ospedale, anche dalle mie parti è conosciuto come uno dei migliori e sono certa faranno tutto il possibile per mantenere il braccio ed evitare ogni infezione
    hai ragione quando dici che ci vuole una malattia per trovarsi a parlare ore e ore e che ti sembra di ritornare a quando eri bambina
    che il vostro amore sia la forza per aiutarlo anche psicologicamente a rimanere forte
    auguri MArzia, anche se oggi il tuo compleanno passerà in secondo piano auguri
    sono fortunata ad averti conosciuta perchè sei un esempio di vita, lo eri prima lo sei ancor di più oggi
    prego per il tuo papà e per te
    ti possa arrivare tutto il mio affetto un bacione grande VAleria

    RispondiElimina
  12. Sono stata un po' ballerina in queste ultime settimane e non avevo letto di tuo papà.
    Ora ho recuperato i post precedenti.
    Brutto incidente. Grande coraggio.
    Ti scrivo soprattutto per dirti che è vero che la malattia ci fa fermare e ci apre le porte dell'anima, mio marito ha conosciuto suo padre nel profondo, solo nella sofferenza estrema, quando l'importante è il bene che vuoi e che ti vogliono e non c'è tempo per nient'altro.
    Auguro al tuo papà di riprendersi al più presto, nella maniera migliore.
    Auguro a te un buon compleanno.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  13. Ieri è passato e oggi è arrivato. Buon compleanno, dunque, ti mando in dono una vagonata di serenità!
    Flo

    RispondiElimina
  14. Buon compleanno! Un doppio abbraccio

    RispondiElimina
  15. Buon compleanno anche se in ritardo cara Marzia!
    Non immagini quanto ti capisco in questo momento quando dici che non ci prendiamo mai abbastanza tempo per parlare e stare accanto ai nostri genitori.
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  16. Arrivo tardi per goi auguri di buon compleanno, ma per un abbraccio faccio sempre in tempo. Siete molto belli!

    RispondiElimina
  17. Penso sempre che, in fondo, è l'esempio il metodo educativo migliore con i nostri figli. E tu è tuo padre in questo momento (e in generale) siete un grande esempio. Auguri in ritardo per il tuo compleanno ( abbiamo lo stesso mese e lo stesso anno!)

    RispondiElimina
  18. Scusa il refuso...e tu E tuo padre...

    RispondiElimina
  19. Auguri, a te, a lui ed a voi tutti insieme

    RispondiElimina
  20. Tutti questi pensieri sono bellissimi, grazie mille! Mi stanno accompagnando e coccolando in queste lunghe giornate.
    Oggi c’è anche un pizzico di sole cosa che aiuta i pensieri a rimanere positivi.
    Ci stiamo abituando a questa nuova quotidianità, all’attesa e alle terapie che cambiano continuamente.
    Ci siamo affidati con fiducia a persone preparate e ad una energia universale che farà il suo corso.
    Alcune vite includono lezioni pesanti e portano doni inattesi, occorre allenare la vista e il cuore per comprenderlo ed è dannatamente difficile andare oltre l’impossibile domanda “perchè?”.

    Vi abbraccio forte, a presto.

    RispondiElimina
  21. Ti faccio gli auguri in ritardo ed un abbraccio in tempo per te e tuo padre.

    RispondiElimina
  22. Ti stringo forte cara Marzia e ti faccio gli auguri in ritardo!

    RispondiElimina
  23. Marzia scusa mi è sfuggito il tuo compleanno! Sono da sola con i bimbi e presa da mille pensieri non ho controllato il tuo blog per giorni. AUGURI!!!! A te di buon compleanno e a tuo padre di pronta guarigione. baci. Flo

    RispondiElimina
  24. Carissima Marzia, oggi ho letto un po' dei tuoi post, ero in arretrato. Mi dispiace molto per ciò che è successo e vi auguro che tuo padre riesca a ottenere il miracolo fatto di volontà, forza, determinazione, competenza e amore da parte di tutti voi e del personale medico. Tu riguardati! E intanto un caro augurio di buon compleanno. Ti abbraccio! Sei una persona molto bella!

    RispondiElimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...