mercoledì 11 giugno 2014

La prospettiva che sale


Questa volta siamo andati insieme a ritirare la pagella, non ne eri contento ma senza nonne disponibili che potevi fare.
Un pomeriggio insieme, diverso, di libertà dopo un altro anno di scuola. Pesante come pietra, vero?
C’erano altre mamme in coda, e altri tuoi compagni. Loro correvano, tu mi stavi al fianco, estraneo come sempre pur con un’espressione tollerante sul viso.
Stiamo fuori dal gruppo noi, presenti ma in fondo assenti, vicini ma in fondo lontani.
Parlavano del pranzo di classe del giorno dopo, quello a cui non hai voluto partecipare.
Una volta mi pesava ora ne prendo atto e basta, il momento e il luogo verranno più avanti, ne sono certa anche se non so perché.

La maestra ti accoglie con un sorriso bellissimo e tu ti fai abbracciare, come sempre.
Ricambi il sorriso e poi resti in silenzio, come il tuo personaggio impone.
Vedo solo un lampo, un secondo di orgoglio quando apre la pagina e appare una fila di 10, talmente perfetti da stupire. Lei ti guarda e ammette che te lo dice troppo poco quanto sei bravo, che dovrebbe farlo più spesso ma sembra sempre tutto così facile per te che finisce per darlo per scontato. “E non è giusto”, aggiunge.
Parliamo solo un altro po’, le regalo il tuo libro di rime preferito e le chiedo se ha voglia di leggere alcuni documenti che le ho fotocopiato, per cercare di capirti meglio e per prepararci a sostenerti nell’ultimo anno prima delle medie. Sono certa che lo farà con attenzione e a settembre proveremo ad impostare un lavoro che ti permetta di confrontarti con i tuoi limiti, almeno ogni tanto.
 
Quella pagella è così assordante e fa a pugni col tuo ostinato silenzio.
Ci sei arrivato in un modo così pazzescamente semplice, esegui tutto con l’agilità del trapezzista, tanto che a guardarti pare banale.
Ma quale prezzo paghi, figlio mio, per le tue evoluzioni!
Ti ripenso lì, muto, in attesa di poter scappare nella nostra intimità e il cuore diventa pesante.
Spesso starti vicino è come abbracciare la carta vetro, riesci a fare un male pazzesco. Vorrei che non ne sentissi il bisogno, vorrei che ci fosse quiete dentro la tempesta di contraddizioni che ti porti dentro da sempre, vorrei che tu ti fidassi di me e del mio amore.
Ma devo ancora meritarmelo, dirti anch’io più spesso quanto è bello vivere questa avventura con te anche se sono tanto stanca e tu sei costretto a preoccuparti per me e ad arrabbiarti giustamente per questo peso che non dovrebbe stare sulle tue spalle.
 
Ultimamente sto provando a spostare verso l’alto il punto di vista. Sai come succede in Art Attack, quando Neil Buchanan affronta i suoi “attacchi d’arte dall’alto” e non si riesce a capire cosa stia facendo fino all’ultimo, quando la telecamera si allontana e il disegno composto dai più svariati materiali appare finalmente bellissimo e pieno di colore.
 
Diciamo che io e te adesso siamo impegnati a cercare strani oggetti, a metterli insieme e poi a disfare tutto, ci sovrapponiamo e cristoniamo anche parecchio quando uno sale sui piedi dell’altro.  Ma prima o poi saliremo sulla giusta scala e – dalla giusta prospettiva – vedremo il risultato del nostro lavoro.
E sarà bellissimo e pieno di colore.
 
Buona estate, amore mio.

44 commenti:

  1. Buona Estate e buona "volo", allora! E complimenti comunque per la pagella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gae, speriamo sia davvero una buona estate serena per tutti!

      Elimina
  2. Bravissimo Alessandro. Con una pagella così hai diritto a tanto, tanto riposo e di occuparti di ciò che ti piace di più e ti interessa.
    Buona estate a tutti
    La madame

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mille grazie da parte sua, che sta già godendo delle sue giornate preferite ... a casa a pasticciare con ogni genere di oggetto e la nonna a fargli da spalla :)

      Elimina
  3. Bellissimo questo post...Ale forse non lo sa, ma ha una mamma con una sensibilità davvero incredibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E speriamo che prima o poi riusciremo ad aprirci davvero l'uno con l'altra, siamo tanto diversi ma in fondo ugualmente esigenti con noi e la vita.
      Un abbraccio.

      Elimina
  4. Bravo Ale! Vorrei abbracciarvi tanto e stretti sussurrarvi che siete meravigliosi ♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E noi ci faremmo abbracciare volentieri! <3

      Elimina
  5. C'è un bel passo di Nietche che, secondo me, fa perfettamente il paio con la tua riflessione sulla prospettiva per le opere di Neil Buchanan. E' spesso male interpretato, come inno alla superbia, ma a leggere il passo intero si capisce che è, invece, un'inno alla conosenza.
    Inizia così "quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare..." (F. Nietzsche, Aurora). Se hai voglia di cercarlo per intero, ti basta googlare, come per tutto, ormai.
    Mi ha fatto pensare a questo la tua riflessione, ma anche al tuo e suo peso, all'amore che vi lega e che sta, anche, nella preoccupazione reciproca ed all'affetto di una maestra che sembra essere davvero tale.
    Ci sarà tempo e luogo per tutto ciò che vorrete, ne sono sicura.
    Buone vacanze

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto il brano ed è davvero bello, mi fa pensare ad una sorta di staffetta in cui - volo dopo volo - si procede verso saperi nuovi e mai esplorati.
      La sua maestra è davvero tale, il nostro angelo che ama mio figlio in modo speciale e per questo le sarò grata per sempre.

      Elimina
  6. ma guarda quanto è bravo il mio amico Ale!
    questo messaggio è per te:
    complimenti campione!
    valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria! Lui tende a svalutarsi ma questa volta un po' di giusto orgoglio l'ho visto anche nei suoi occhietti :)

      Elimina
  7. Marzia, che paura: paura che il mio piccolo, fin dall'anno prossimo, quando entrerà alla materna pubblica, possa trovare una maestra che non lo capisca. Una che possa prenderlo per uno stupido introverso, o per un saccentello, o per uno strambo. E grazie: grazie perché mi fai capire tante cose di lui con le tue riflessioni. Non ultimo il fatto che, si, e' vero, lui si preoccupa di me e ha questo fardello sulle sue piccole spallucce. E poi, complimenti: complimenti per il tuo essere mamma e complimenti per il tuo bambino straordinario! P.s.: magari quei documenti potresti postarli per quelli che come me sono interessati a capire meglio questi bambini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna ci sono tanti ottimi insegnanti e si sta allargando un po' la consapevolezza che ci sono bambini come i nostri, magari "strambi" ma da valorizzare e supportare. Per noi la materna è stata terribile ma io ero del tutto impreparata e non avevo alcuna competenza sulle caratteristiche di mio figlio, adesso potrei affrontare tutto decisamente in modo più costruttivo.
      I documenti di cui parlavo li ho citati tutti nei miei post sulla plusdotazione, direi che nei siti e nei libri di cui parlo abitualmente trovi già molto poi, se ti interessa, puoi associarti a Step-net, è una spesa minima e nel forum dell'associazione ci sono spesso scambi di opinioni interessanti.

      Elimina
    2. Grazie per i consigli. Avevo già spulciato step net ma non ero riuscita a entrare " in sintonia" con il sito. Lo guarderò meglio e mi assocerò sicuramente. E riguarderò tutti i tuoi post in cerca di libri e articoli.

      Elimina
    3. Capisco cosa intendi per sintonia, succede anche a me :)
      Di ogni cosa ovviamente occorre spulciare e trattenere solo ciò che riteniamo più utile per la nostra situazione.

      Elimina
  8. Caspiterina!!! complimenti al tuo fantastico ometto!
    E quanto è bello avere maestre così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro resto stupita quando leggo i suoi quaderni e le sue verifiche, sapendo quanto (non) ha studiato mi sembra pazzesco possa rispondere in modo tanto preciso su qualsiasi argomento.
      Si tratta di un mistero per me che sono sempre stata un'ottima studentessa ma sgobbona e sgobbona :D
      Sì, questa maestra è quella che mi concilia col mondo scolastico nei giorni neri!

      Elimina
  9. Ciao, io vi leggo spesso ma commento raramente... questa volta voglio augurarvi una buona estate e dirti che sei una madre super!!
    Mura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono una lettrice spesso silenziosa :)
      Grazie e ricambio con piacere gli auguri per un'estate allegra e leggera!

      Elimina
  10. Buona estate a voi bellissima squadra di equilibristi, sono sicura che prenderete 10 anche lì. Con affetto Sandra frollini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi basterebbe un buon 7 ... facciamo 8, dai!
      Poi da settembre ci proviamo sul serio a mandarlo alla scuola di circo che abbiamo vicino casa :D

      Elimina
    2. La scuola di circo è una scuola di vita. Benedetto sia chi l’ha inventata! Bambino è al terzo anno. E tutto, ogni anno, è sempre più bello.
      Sono sicura che il mio Alex preferito apprezzerà la giocoleria. Forse si confronterà con qualcosa che lo terrà un po’ in scacco all’inizio, e fino al momento in cui comprenderà che ciò che ha imparato a scuola (quella delle nozioni e delle cose per lui facili) gli servirà per fare cose nuove e darà un senso al suo apprendimento.
      Non ti dico altro. Iscrivilo, vedrai, non vi pentirete. Le sue prime tre palline con cui mettere in pratica nozioni di fisica, matematica e geometria gliele regaliamo noi! ;)
      Un abbraccio,
      Monica

      Elimina
    3. Oh, ma non credo sceglierà giocoleria, lui è quello che sta in equilibrio su ogni palla e che "scala" a piedi nudi i muri di casa :D
      Credo che saranno i suoi piccoli muscoli e il suo senso dello spazio ad essere allenati ... ammesso di riuscire a fargli fare la prima benedetta lezione di prova!
      Un abbraccio a voi.

      Elimina
    4. Oh! Qui da noi giocoleria = circomotricità= scuola di circo. Cominciano con le palline e poi passano a rolla bolla, trampoli, monociclo e pallone da equilibrista. ;)
      Il mio attrezzo preferito (mio, eh, non di Bambino) è comunque il diablo.
      Baci,
      Monica

      Elimina
  11. buona estate a voi due. Che per me rimanete una squadra formidabile. Un grande abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma buona estate a voi, al cucciolo ormai "grande" e alla pancia che è sempre più bella (magari col caldo un po' meno ma si sopporta tutto, eh?) <3

      Elimina
  12. Alex è bravissimo e deve essere orgogliosissimo di se stesso!
    Questa pagella dimostra ciò che sappiamo e che cioè lui è estremamente intelligente e dotato. E' una cosa bellissima! Bellissima!
    Buona estate a lui e al suo pasticciare meritatissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è bellissima, occorre solo un po' di attenzione per evitare si perda per strada, che alle sfide occorre abituarsi piano piano.
      Baci!

      Elimina
  13. Vedi Marzia che pian piano ti sto convertendo? Sono una testa dura calabrese io! Neanche a me piacciono le etichette ma ...secondo me Alex è molto simile al mio D. solo che si esprime in maniera diversa. Abbiamo un'altra cosa in comune io e te: eravamo entrambe delle noiosissime sgobbone a scuola :-) Buone vacanze e complimenti ad Alex.Flo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che anche i piemontesi non se la cavano male a cocciutaggine :D
      Diciamo che mi piace ascoltare tutto e tenere in considerazione tanti aspetti, poi seguo le mie sensazioni perché per alcune cose non sbagliano mai.
      Buone vacanze anche a voi, le mie purtroppo sono ancora parecchio lontane, sigh!

      Elimina
    2. Anche le mie, sigh!

      Elimina
  14. Quando finisce la scuola si rompono i ritmi che ci hanno tenuto in scacco tutto l'anno e si riesce a stare un po' più rilassati. Ed è questo che vi auguro!
    Tutte le volte il tuo stare accanto ad Alex mi insegna tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe avere più tempo per goderci questo periodo più morbido insieme.
      Vedrò di ritagliarmene il più possibile perché ne ho bisogno anche più di lui.

      Elimina
  15. Da poco mi sono avvicinata al mondo dei "Blog" e, quindi, ti conosco da poco, ma, le tue parole mi toccano e mi arrivano dritte al cuore. Il cuore di una mamma e di una donna che, pur non conoscendoti, ti sentono vicina.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e benvenuta sia qui sia nel mondo blog, verrò certamente a conoscerti.

      Elimina
  16. Cara Marzia, quanto vorrei poterti abbracciare...
    I nostri figli hanno caratteristiche diverse, ma quanto mi ritrovo nel tuo essere vicini e lontani, in questa mancanza di rilassatezza, leggerezza e serenità, in questo continuo cercare la chiave giusta...
    Ti auguro una buona estate in cui anche tu possa, almeno ogni tanto, deporre i pensieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che comprendi i momenti belli e anche quelli più duri, quelli in cui sarebbe bello smettere di pensare alla parola successiva!
      Vi penso spesso, vedo che tante cose prendono posto e sono contenta per tutte le belle esperienze che state facendo.

      Elimina
  17. Un pensiero affettuoso per questo tuo ometto straordinario, Marzia. E che i suoi 10 splendidi in pagella siano affiancati da tanti 10 anche nella la ricerca della felicità e della serenità nella vita :-)
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quei 10 li bramo oltre ogni cosa, voglio solo che sia sereno e che possa sentirsi libero di restare quello che è, spigoli compresi! Baci a voi <3

      Elimina
  18. Mi sale solo un desiderio: abbracciarti!
    Ho provato una tenerezza mista ad affetto ed equilibrata da discrezione.
    Rileggo e ripenso alla tua esclamazione: Ma quale prezzo paghi, figlio mio, per le tue evoluzioni!
    Facendoci comprendere che tu la risposta la conosci bene e la reazione la moderi tutta dentro di te.
    Veramente complimenti a questa insegnante che abbraccia, sorride ed ammette che avrebbe dovuto lodarlo un po' più spesso, una dimostrazione di umiltà che non ha prezzo
    Sì, la pagella è stupenda ma lo sai che è anche la tua?
    Un forte abbraccio perchè ogni volta che passo di qui imparo sempre qualcosa di grande.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carla grazie! Io adoro le tue storie che danno il senso delle cose importanti, quelle che nel correre perdiamo per strada. Tu sai bene cosa vuol dire non possedere nulla ma brillare nel cuore, speriamo di recuperare un po' di quel luccichio!

      Elimina
  19. Sono stata un po' assente e vorrei ancora esser meno al web in questa estate ma quando ripasso qui son sempre contenta, di leggervi e per voi. Che pagella! Complimenti. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita, anch'io credo mi prenderò un periodo di maggior "distacco", sento il desiderio di un sano vuoto mentale :)
      Buona estate a voi!

      Elimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...