mercoledì 26 giugno 2013

Se si potesse sentire ...

Complice San Giovanni (nostro patrono) provvidenzialmente festeggiato di lunedì, la famiglia orsetti ha deciso di partire alla volta di Prignano sulla Secchia a far visita alla mia più "vecchia" amica nonché madrina di mio figlio, recentemente trasferitasi.
Sono stati tre giorni densi, col cielo terso, i campi mossi dal vento, paesaggi incantevoli fuori dal mondo frenetico a cui siamo abituati.
E poi tantissimi gatti (del resto li allevano ...), un bovaro bernese di 60 kg semplicemente fantastico che ha stregato il mio bambino con un amore unico, leprotti ad attraversarci la strada.
E poi una strada di aperta campagna, con la luna più grande e luminosa che si potesse desiderare, circondati dalle lucciole ... sembrava di stare in mezzo alle fate in uno scampolo di notte magica ... io e Alex a guardarci con la luce della meraviglia negli occhi.
E poi l'amicizia che fa squadra, che tiene botta alla distanza e alla paura dell'ignoto.
E poi il museo della Ferrari, con i due uomini di casa a raccogliere emozioni di lamiera e di gare improvvisate.

Insomma felicità, davvero molta più di quella che abbia mai avuto negli altri viaggi con Alex.
Certo quache momento di sbruffo e di attrito con lui c'è stato, ma gestibile e gestito con sufficiente tempismo. Tutto sommato basta dargli il tempo di decantare un poco nel silenzio di una camera (in questo caso d'albergo) per evitare le sue esplosioni da eccesso di stimoli.
Ci abbiamo messo parecchio tempo ma adesso siamo più bravi a cogliere i segnali e reagire correttamente. Non sempre ma spesso.

Così mi è tornata in mente la scena di una serie TV - Alphas - che ho visto qualche giorno fa mentre preparavo la cena. Non la seguo, ci sono arrivata casualmente con lo zapping ma ho assistito ad un passaggio molto emozionante.
Il telefilm segue le storie di uomini e donne dotati di poteri particolari, ognuno diverso e ugualmente inusuale. Una delle protagoniste riesce a percepire i sentimenti di chi la circonda, una sorta di chiarosenzienza. Ho subito pensato che per me sarebbe stato più una condanna che un dono, entrare nelle emozioni umane dev'essere un viaggio simile alla peggiore delle montagne russe, tra amori assoluti e dolori infiniti.
La ragazza in questione si è trovata ad assistere alla disputa tra un giovane padre, preoccupato da alcune frequentazioni/azioni del figlio, e un adolescente di 12-13 anni deluso e arrabbiato per le ingerenze paterne. Tutto nella norma, dunque, litigi compresi.
Lei li fa sedere su un divano e prende una mano di ognuno, poi diventa il canale di passaggio delle emozioni che si trasferiscono dal padre al figlio e viceversa. Così il dolore del ragazzo entra nella mente del padre e l'amore e la preoccupazione del padre diventano evidenti al figlio.
Senza tante parole i due si riscoprono uniti, grazie alla sincerità dei reciproci sentimenti.

Ho versato la mia solita lacrimuccia e ho pensato che talvolta sarebbe davvero bello poter fare così. Una mano nell'altra a scambiarci emozioni dal profondo del cuore, senza filtri fatti di parole e gesti. Perché nella vita abbiamo detto tante volte "ti capisco" ma in fondo no, non capiamo mai del tutto. Come potremmo?
Abbiamo perso notti a parlare con genitori arrabbiati, fidanzati in fuga, figli in crescita.
Abbiamo scritto lettere col cuore in mano e l'anima nuda.
Abbiamo sollevato il telefono con le migliori intenzioni.
Ma alla fine la comunicazione è fallita. Magari molto, magari solo in parte. Magari abbiamo creduto di averla spuntata e poi ci siamo ritrovati punto e a capo.
Perché alla fine non si riesce mai a tirare fuori proprio tutto, talvolta non la identifichiamo neppure noi l'emozione corretta, forse per pudore o forse per paura di ciò che proviamo. Allora le parole e i gesti tendono a mascherare, ad edulcorare, a confondere.
Mentre un flusso reale di sensazioni, senza razionalità come mediatore, ecco forse ci risparmierebbe tanto tempo e tanta fatica.

Non lo nego, a me un canale di trasferimento emotivo sarebbe stato immensamente utile.
Avrei provato sulla mia pelle la rabbia, la frustrazione, l'esplosione e il silenzio.
Avrei sentito la paura, il rumore che assale, le luci che bucano.
Avrei sentito la mente troppo rapida e i sensi incontrollabili.
Avrei capito l'incomprensibile, per me.

E mio figlio avrebbe sentito la nostra voglia di comprendere.
Avrebbe provato il senso di impotenza e la tristezza.
Avrebbe sentito la nostra costanza nel cercare una strada e la forza della determinazione.
Avrebbe sentito l'amore immenso che occupa ogni millimetro del nostro cuore.

Ma ... a pensarci bene ... un canale si è aperto comunque.
Ci è voluto tempo e pazienza ma l'amore ha guadagnato spazio, senza parole.

Ieri sera io e Alex parlavamo di Aladino e del genio della lampada. Gli ho chiesto quali sarebbero stati i suoi tre desideri e mi aspettavo la solita risposta razionale. Ha iniziato con "una bella casa", "una bella auto" ... "e che stiamo tutti bene". Ho sorriso e ci siamo dati un bacio speciale, sulla bocca come quando era più piccolo, un attimo di unione che mi è rimasto dentro tutta la notte.

 Il potere dell'amore ... dunque siamo tutti alphas in fondo ... :-)

40 commenti:

  1. Magari le comunicazioni non falliscono del tutto.
    Forse è solo la linea che cade.
    Poi si riprova, resistendo alla tentazione di mandare a stendere la signorina che ti dice che l'utente non è al momento raggiungibile, alla fine si riesce.
    Quanto alla fine non è dato di saperlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per fortuna non falliscono tutte le comunicazioni. Talvolta occorre accettare di poter arrivare solo ad un certo punto senza provare un senso di fallimento ... e senza mandare a stendere l'interlocutore :)

      Elimina
  2. Nei film è tutto semplice, invece voi ci avete messo impegno, fatica e dolore per costruire questo canale.
    L'episodio finale del bacio mi ha commosso tantissimo, è di una dolcezza estrema <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è un po' quello che ho pensato ... talvolta sarebbe bello fosse tutto facile. Non funziona così, vero?! Però sognare fa bene!

      Elimina
  3. Che tenerezza il bacio :) vedi che poi in fondo qualcosa di buono succede come nei film? Solo che nei film tutto è condensato in poco tempo, mentre la vita reale è spalmata su così tanto tempo che sembra sempre che le cose belle non capitino mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, l'attesa sembra infinita e così ti perdi il gusto della gioia. Io sto cercando di ritrovarlo, grattando la superficie indurita.

      Elimina
  4. Mio figlio invece mette tutto sul ridere, sulla presa in giro, sull'ironia! Sembra sempre su un altro pianeta, o e' distratto o troppo concentrato. Lui pensa di essere il più Figo di tutti, si stima e al mattino sceglie con cura cosa indossare. Ama dare ordini e farsi servire. Quando sei stanca e un po' esausta del tuo bambino razionale e intelligente, possiamo fare cambio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va bene così! Alex ha autostima sotto i piedi ma l'aggressività di chi sente ogni no come un'offesa personale ...
      Comunque una settimana di scambio lo farei eccome ;)

      Elimina
    2. Affare fatto! Poi non dire che non ti ho avvisato...

      Elimina
  5. Post bello vero e commovente grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, tutto merito del paesaggio :)

      Elimina
  6. La tua voglia di leggerezza è stata premiata! un abbraccio.
    Flo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri sera il clima era già meno leggero ma tanto ormai lo so quindi ... domani è un altro giorno!

      Elimina
  7. Fosse così facile... O forse se così fosse, non riusciremmo a distinguere chi si impegna per capirci veramente e per essere capito.
    Forse non riusciremo mai a capire in fondo gli altri, perché per quanti ci sforziamo partiamo sempre da noi stessi, dalle nostre esperienze, dalle nostre idee.

    Io mi guarderei bene dal frequentare la ragazza della serie tv :)Non vorrei proprio essere così trasparente per gli altri. Mi piace aprire canali, ma tenendone sotto controllo aperture/chiusure/restringimenti/allargamenti. Sarò complicato? :)

    Il potere dei baci. L'altra sera mia figlia, seduta sul divano tra me e mia moglie, senza un apparente motivo si è girata verso di noi avvicinandosi e dando un bacio a ciascuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu sei proprio la versione adulta di mio figlio, o sbaglio?!
      Mi dai ripetizioni, che ti vedo ben ferrato in materia di interpretazione personalità articolate e complesse?
      Siete persone fantastiche ma che fatica ... ma l'età addolcisce, vero?

      Elimina
    2. E' vero sono un po' "faticoso" ;)
      Potrei essere ferrato su interpretazioni di comportamenti (non so quanto giuste), sono un grande osservatore.
      Non so quanto addolcisva l'età, sicuramente le giuste compagnie sì.

      Elimina
  8. Prima o poi tanto impegno e tanta dedizione deve dare i suoi frutti, deve.me lo ripeto continuamente anche se a volte credimi o voglia di scappare. Quel bacio però mi da speranza e devo credere che prima o poi lo darò anch'io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo darai eccome e molto prima di me, hai già tanta consapevolezza e una Cicina che ti costringe a non fissare troppo i pensieri. Sarete un'ottima squadra!

      Elimina
  9. bravo Alex. Bravi voi. sono contenta! quando leggo che le cose vanno meglio, che riuscite a stare bene insieme, a comprendere un pò di più, a prendere come viene, eccolo che arriva, l'amore, in tutta la sua bellezza e semplicità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così, accolgo l'attimo e non penso al dopo, a quando la salita riprenderà, apro le mie risate e me le assaporo proprio bene.

      Elimina
  10. Un canale di trasferimento emotivo sarebbe utile anche per me.
    Alex ti regalerà belle sorprese, sta crescendo, è una piccola vita che ogni giorno cambia, vedrai che questo periodo è solo l'inizio di un percorso, non senza ostacoli, ma che ti regalerà emozioni belle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora cerco di essere io una bella sorpresa per me stessa, credo che il resto mi seguirà, lo sta già facendo. Riprogrammare i pensieri non è facile ma ogni giorno un passo e sono orgogliosa di me. Detto così fa sorridere, pare pure banale, eppure ... :)

      Elimina
  11. sono tutti progressi cara Marzia.
    Ed è bello farlo accanto a leprotti e lucciole che io adoro.
    La capacità di prevedere e prevenire gli sbruffi che potrebbero sfociare in rabbia credo vada allenata, e voi lo state facendo.
    Go on Marzia, la strada è traccita, a volte è tanto bello fermarsi al punto ristoro.
    sandra e natallia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le lucciole sono state una riscoperta meravigliosa, mi sentivo proprio la protagonista di una favola! Come te in questi giorni, belle che siete!

      Elimina
  12. Che bello, che dolcezza! Saluti Roberta

    RispondiElimina
  13. grazie Marzia i tuoi post sono sempre spunto di riflessione. Alex è meraviglioso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nostri bambini alle volte ci fanno sentire straziati dall'impotenza, ma più spesso meravigliati del dono quotidiano che ci offrono, e tu lo sai davvero. Grazie a te!

      Elimina
  14. Come sarebbe utile anche a me un canale di trasferimento emotivo con mio figlio. Capire finalmente cos'è che spesso e volentieri lo fa essere così complicato e con un umore così instabile. Sarebbe così bello prendersi semplicemente per mano, sciogliere le tensioni e vivere finalmente un rapporto sereno e rilassato..
    Le lucciole...da quanto tempo è che non le vedo! Hanno sempre qualcosa di magico e il potere di riportarmi a quando ero bambina...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, i dialoghi tesi e le risposte sgradevoli sono parte del nostro quotidiano ed è difficile sradicarne le radici. Ci sto provando tanto, talvolta pare crearsi un varco ma per ora non dura. Intanto cerco di cambiare il mio sentire e poi si vedrà :)

      Elimina
  15. Sono convinta che potenzialmente siamo tutti alphas (qualunque cosa siano gli alphas della tv, visto che non vedo il 99% dei programmi tv da sei anni…). Il problema è che ci siamo fatti fregare da qualcuno e qualcosa che ci hanno tolto la consapevolezza della nostra chiarosensenzia (che bel termine, Marzia!!!). Così adesso siamo insicuri dei nostri stessi istinti, perché ci hanno detto che non bastano, sono imperfetti, non vanno bene.
    Cercando il termine chiarosensenzia lo trovo oggi associato solo a cose alieno-etereo-mistico-newage. Anche i rapporti umani non mediati dalla razionalità e dai concetti di cultura sono considerati “alieni”. Forse dobbiamo tornare a fidarci di noi stessi e di chi ci sta vicino senza transfer, ogni tanto. Ascoltare con gli occhi, con le orecchie, con le mani e col cuore. Quando avremo re-imparato questo, forse allora non avremo più bisogno di intermediari tra noi e chi amiamo per capire e farci capire.
    Il tuo meraviglioso alieno ve lo sta insegnando. Siete dei bravi studenti: vi state applicando, nonostante la fatica. Promossi. ;)
    (Sono uscita dal tunnel, ma da pochi minuti. Si vede, eh??) ;)
    Un abbraccio,
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse siamo tutti alieni insicuri, in effetti. Però l'empatia occorre allenarla, per uscire dall'io e provare a vederci tutti inclusi in un noi privo di frizioni perché tutti in fondo diretti verso la stessa direzione. Lo so, suona un po' esoterico ma mi piace ;)

      Elimina

  16. Invito - It
    Io sono brasiliano.
    Dedicato alla lettura di qui, e visitare il suo blog.
    ho anche uno, soltanto molto più semplice.
    'm vi invita a farmi visita, e, se possibile seguire insieme per loro e con loro. Mi è sempre piaciuto scrivere, esporre e condividere le mie idee con le persone, a prescindere dalla classe sociale, credo religioso, l'orientamento sessuale, o, di Razza.
    Per me, ciò che il nostro interesse è lo scambio di idee, e, pensieri.
    'm lì nel mio Grullo spazio, in attesa per voi.
    E sto già seguendo il tuo blog.
    Forza, pace, amicizia e felicità
    Per te, un abbraccio dal Brasile.
    www.josemariacosta.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto José Maria, arrivi da lontano. Mi piacerebbe conoscere la tua lingua per comprendere le poesie che scrivi nel miglior modo possibile, hanno un suono molto bello!

      Elimina

  17. Mi ha dato gioia sincera leggere di questi bei momenti che avete passato.
    sono un un momentino di stallo a tutto tondo, ma ci tenevo a fermarmi da te per un salutino. Mi manca prendermi tempo a perdermi per questa bella rete.
    oh sì, se solo si potesse sentire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie! Anch'io ci sono poco in questo periodo, sono concentrata su alcuni argomenti che mi stanno a cuore, quindi mi regalo tempo ed energie che mi consentiranno di essere meglio presente in futuro ...

      Elimina
  18. mi hai emozionato, ho sentito nelle tue parole le emozioni che racchiudi nel cuore. L'amore c'è e riesci a trasmetterlo persino a me che sono un'estranea. Stai serena, tuo figlio quest'amore non può non percepirlo.
    un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, sei molto gentile! So che lui lo sente, solo che talvolta l'amore si perde dentro emozioni meno buone e la comunicazione arranca, ma miglioriamo :)

      Elimina
  19. Che bello... Grazie Marzia, hai davvero un cuore grande

    RispondiElimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...