domenica 28 aprile 2013

Premio Tartaruga lenta (ma felice!)



La foto rende l'idea.
La mia capacità di gestire i premi è quella della mia tartaruga di legno che si dirige verso una pianta grassa spinosa: sono lenta ai limiti dell'immobile.
La cosa bella è che probabilmente resterò sotto i 200 followers per sempre, quindi potrò continuare a ricevere premi (ammesso che qualcuno abbia ancora la gentilezza di farlo) e a bistrattarli in questo modo. Perdonatemi!
E che non sono brava a rispondere alle domande, vado sempre fuori tema e mi imbarazzo.
Poi, credo lo abbiate ampiamente capito, non potrei assegnare i premi a qualcuno in particolare, io per carattere temo sempre di arrecare disturbo. Quindi oggi qui sistemo tutti i premi come in un paniere profumato, a disposizione degli ospiti.

Se avete voglia fateli vostri, che i commenti a questo blog sono sempre il completamento perfetto delle mie parole, un arricchimento vero. Voi tutti rendete questo mio (nostro) viaggio una vera esperienza di vita, fatta di abbracci virtuali, di amicizie reali, di riflessioni profonde, di sorrisi e di lacrime condivise.
Io sto molto meglio da quando sono qui ... se vi capiterà di leggere i primi post ve ne renderete conto. Insomma, come la tartaruga io vado avanti, lenta a sicura, portandomi dietro la mia casetta.
E molti mattoni li avete messi voi, quindi grazie!

E un ringraziamento speciale a chi i premi me li ha assegnati, ovviamente! Intrepidi che siete!
Ho selezionato cinque domande tra quelle che mi sono state poste e cercherò di dare una risposta ragionevole.

1) Qual è la prima cosa che fai appena sveglio?
Da cinque mesi a questa parte la prima cosa è salutare la gatta e prepararle la pappa. Non potrei fare nulla di diverso visto che lei è un tipo che non si lascia ignorare e a suon di "prrrr" e "miaooo" mi convince ad occuparmi di lei. Mi fa un sacco ridere quando prima miagola e poi ti si sdraia sui piedi, allungando il collo per ricevere la dose di grattini mattutini ... e lo fa con tutti e tre i membri della famiglia :)

2) Sei soddisfatta in questo momento della tua vita?
Sì, sono soddisfatta di come stanno evolvendo i miei pensieri, dei progressi che sto facendo nell'identificare i miei desideri e del modo sereno in cui riesco a guardare agli aspetti più critici della mia vita. Desidero non farmi più dominare dall'insoddisfazione e dalla delusione e spesso ci riesco, sebbene non sia sempre facile.

3) Il tuo blog ti ha aiutata a...
Dare forma alle mie riflessioni e a sentirmi meno sola. Leggere e condividere con altre persone e altri genitori aiuta a sgonfiare il dolore, lo si riesce a maneggiare senza scottarsi troppo. Perché alcune emozioni sono patrimonio di tutti, solo che rimanendo chiusi in noi stessi li trasformiamo in mostri invincibili. La mia ascia resta fuori casa anche grazie a questa potente valvola di sfogo.
E poi ho riscoperto il piacere di scrivere, l'avevo accantonato per così tanto tempo che pensavo di averlo perso. E invece era lì ad aspettare il mio momento giusto, questo!

4) Hai conservato qualcosa di quando eri piccolo?
Oh, sì! Il mio mitico Cicciobello ... il prossimo Natale festeggeremo quarant'anni di fantastica amicizia e lui sta sempre dentro il mio armadio ad aspettarmi. Ogni tanto me lo prendo in braccio e mi ritrovo bambina, quanto sono stata felice insieme a lui nei miei lunghi pomeriggi da figlia unica. Avevo una fantasia spettacolare e ho creato mille storie con me e Ciccio come protagonisti, siamo stati nello spazio, in svariati castelli, nel Far West, nel deserto o in alta montagna ... a seconda dei cartoni animati del momento ma soprattutto dei libri che leggevo, ed erano davvero tanti!

5) Quaderno di carta o tablet?
Ho sempre avuto una pessima calligrafia per questo, non appena ho potuto, ho abbandonato i fogli di carta per lo schermo di un computer. Almeno gli altri esseri umani sono in grado di leggere ciò che scrivo.
Ultimamente però sto rivalutando gli appunti cartacei, tanto servono solo a me :)


Ed ora ecco la lista dei gentili premiatori:

Daniele di BABBOnline

  
AntonellaVì di Colori dell’amore


Federica di Mamma in Oriente


Massimiliano di Anche i papà hanno il pancione


Giulia di Vita da Stremamma
Mi permetto di scegliere un bellissimo premio che mi mancava: Sunshine award


Vittorio’s Secret



Se qualche altra tartaruga lenta (ma felice!) desidera prendere il filo di questo pazzo post, può utilizzare le stesse domande scelte da me, sperando che gli ideatori delle stesse non me ne vogliano.
Soprattutto mi piacerebbe conoscere il giocattolo preferito della vostra infanzia, lo avete anche voi un "cicciobello" vecchietto e un po' scassato che tenete gelosamente lontano dalla spazzatura, nonostante gli sguardi storti del vostro compagno/a?!

Buona settimana a tutti.


32 commenti:

  1. non mai avuto il cicciobello (strano eh, la generazione è la stessa) però ho conservato le mie bambole preferite, sopravvissute a molti traslochi.
    Sta faccenda dei 200 follower è strana, nel senso io con frollini ne avevo quasi 300 con mio sommo stupore, poi ne vedo da oltre 1000 e magari rispondono pure ad ogni commento col controcommento ma come cavolo fanno? Tanto di cappello.
    X il resto la tua risposta n. 2 potrei darla pure io identica.
    Hai visto che anche oggi ci ha dato il temporale quotidiano? Io rincasata appena in tempo. baci sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui piove senza interruzione da ieri mattina e il freddo umido mi sta uccidendo qui in ufficio. Voglio la primavera, altrimenti anche la risposta 2 mi si intristisce. Buona settimana!

      Elimina
  2. Allora, intanto ti dico che la piantina grassa della foto ce l'avevo anch'io, fino a che il freddo dello scorso anno me l'ha uccisa! Anche la sua crescita è stata lenta, ma ha vissuto almeno 15 anni ed è diventata alta un metro! Anch'io ho pochi lettori fissi e il mio giocattolo preferito era...tatatan...un gatto di peluche, ce l'ho ancora, in un cellophane dentro il comodino, era molto più di un gioco, era un compagno, non ho mai avuto il coraggio di buttarlo, con me, l'altro giorno, ha compiuto gli anni: 35, cosa ne dici, mi è stato fedele?! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, direi che ci sono stati fedelissimi! E hai ragione, erano molto più che giocattoli, compagni veri e in evoluzione come noi.
      Se la pianta mi diventa un metro devo cercare un nuovo terrazzino, aiuto! :D

      Elimina
  3. Il mio giocattolo preferito è stato un cane di stoffa (un bassottino). Sfortunatamente non è arrivato fino ai nostri giorni :( Mi avrebbe fatto piacere averlo adesso per farlo vedere a mia figlia.
    Probabilmente i maschi, più delle femmine, preferiscono a un certo punto dare un taglio all'infanzia. Di solito le bambine, ad esempio mia moglie, ha ancora le bambole di quando era piccola.
    E poi ovviamente un bussolo pieno di costruzioni lego.
    Qualcuno di voi si ricorda quei grandi fustini clindrici di detersivo che andavano parecchi anni fa? Svuotato e ripulito era il mio contenitore di costruzioni, visto quante ne avevo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che ricordi, i miei fustini (puliti e rivestiti di carta colorata) pieni di barbie e bamboline simili sono ancora nella mansarda da mio padre in campagna! Mi hai fatto venire una gran voglia di riaprirli ...

      Elimina
  4. Io ormai ci ho perso la speranza... Non riuscirò mai a ricambiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io spero di non aver dimenticato nessuno, potrei anche aver fatto questo ... sono tremenda!

      Elimina
  5. Ceeerto che avevo il cicciobello e ci ho dormito fino alla seconda media!!! Non lo dici a nessuno, vero ;-)
    Anch'io figlia unica e pure io con una fervida fantasia...poi leggendo le domande e le risposte potrei averle date io, tutte tranne la prima perché non ho gatti e la mattina ho un risveglio lentissimo che faccio fatica solo a dire buongiorno....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anime affini dunque ... Facciamo incontrare sia i figli sia i cicciobello? :D

      Elimina
    2. A guarda non vedo l'ora: alex e giacomo insieme saranno mooolto interessanti!! Io te e margherita andiamo a mangiare un gelato mentre quei due si annusano ;-)

      Elimina
  6. Che bel post!
    Il mio adorato Cicciobello è passato alla Purulla, che ora gode di un Tittio vecchio e di un Tittio nuovo. Ma non li fanno più come una volta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo penso anch'io, anche Alex ha avuto il suo cicciobello e ora se ne stanno tutte e due nello stesso armadio, ma non sono affatto della stessa "consistenza" ... il mio è sempre il più bello!

      Elimina
  7. Veramente lo prendi in braccio ogni tanto? Che dolce!!!!! anche io ce l'ho ancora ma è in un baule a casa dei miei... e ha il suo odore di sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo coccolo eccome, non si lamenta mai :D
      E quell'odore ... verissimo!

      Elimina
  8. Io ho tenuto qualche peluche. Che ha avuto prima la grande ed or la piccola. Uno è l'orso Camillo, capeggia sulle mensole in stanza di mia figlia ora.
    Anche a me è servito il blog, scrivere, condividere, ricevere commenti diversi, ti apre al mondo lasciare aperta la porta virtuale ai tuoi pensieri, è vero.
    Mi piace sempre tanto leggerti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'orso Camillo ... il mio ciccio non è mai riuscito a mantenere un nome a lungo, variava a seconda delle avventure.
      Per il blog, sì sì sì, e ovviamente grazie per includermi nelle tue letture.

      Elimina
  9. Io ho il Cicciobuono invece! E’ come il Cicciobello, ma quando gli mettevi in bocca il ciuccio o il bibe muoveva le labbra a somiglianza della suzione. Lo so, fa impressione, ma a me piaceva così tanto l’idea del bambolotto che oltre a piangere e a smettere di piangere a comando ti dava anche la soddisfazione di berti litri e litri di finto latte, ciucciandolo da un bibe plasticoso, la cui tettarella sembrava il becco di un colibrì! Il Ciccio succhiava il latte e io lo guardavo mangiare pacioso e silente. Ora sta nell’armadio in cantina. Mi è venuta voglia di portarlo di sopra e coccolarlo un po’... Ah, Marzia...! E' già il secondo post che tira fuori la bambina che c'è in me (dopo il tuo penultimo post sto ancora pensando seriamente alla possibilità di comprare un tappeto salta-salta da mettere in sala al posto del divano!).
    Un abbraccio,
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non è bello tirare fuori il bambino che è in noi?! Il salta-salta poi è quasi irresistibile :)
      Certo che anche tu, col cicciobuono ... ahahahah!

      Elimina
  10. Ciao Marzia...
    ci aggiungiamo alla schiera dei tuoi ammiratori con l'ennesimo premio...
    E' stato il nostro primo premio e ci abbiamo messo quasi un mese per scrivere il post... per cui possiamo capire il tuo essere una lenta tartaruga ;-)..

    Quando e come ti va passa da noi a ritirarlo... Ti aspettiamo!

    PS:
    - il mio cicciobello era un bimbo ricciolino e dalla pelle nera, di cui andavo particolarmente fiera visto che ce l'avevo solo io.. l'arrivo di un fratellino però ha segnato la sua fine :-(
    - il giocattolo preferito di Gio era un peluche San Bernardo che ancora oggi suo fratello gli invidia molto, nonostante anche questo non sia più materialmente tra noi...

    A presto!

    Giusy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma voi siete dei super temerari, dopo questo post delirante voi arrivate carinamente con un nuovo premio! Grazie, soprattutto per aver condiviso i vostri giocattoli, è stato proprio un bel tuffo nel passato :)

      Elimina
  11. Ho un premio per te, corri da me! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! Cosa mi combini?! Un premio per di più altamente calorico! Sono rovinata ma grazie di cuore!

      Elimina
  12. sai che io non saprei dire qual'era il gioco che piú amavo da bambina?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sei come mio figlio, lui non ha mai avuto "il giocattolo", i suoi amori sono fluttuanti :)

      Elimina
    2. si, é cosí... peró sai che questa mi sembra una caratteristica molto emotiva?!?

      Elimina
  13. Il mio giocattolo preferito... Marzia,tu non lo sai, tocchi un argomento per me drammatico. quel poverino... mi ricompongo, trovo un attimo di magica pace dove ricreare quelle atmosfere e poi torno a raccontartelo...
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma torna, eh?! Che ormai ho la curiosità! Certo mi spiace aver toccato un tasto dolente, i giochi perduti (se è quello il problema) non si scordano mai :)

      Elimina
    2. Il mio era un "cicciobello alternativo", si chiamava Pepo ed era bellissimo, il più bello di tutti

      ma non ho cuore di raccontarti la sua storia triste in questa bella pagina dove tutti ricordano i loro giochi con allegria. Un giorno ne scriverò, perchè secondo me la storia si collega molto con altre che devo 'sistemare' e te lo segnalerò di certo

      Elimina
  14. A quanto pare il Cicciobello era davvero inflazionato ai nostri tempi!! Era infatti anche il mio giocattolo preferito.... l'ho tenuto anch'io nell'armadio per circa 30 anni no, forse qualcuno meno, dai..), lo lavavo una volta all'anno, mettevo i vestiti di lana azzurri nell'ammorbidente, gli lavavo i capelli, lo pettinavo... Aveva ancora intatte la cuffietta e le babbuccine. Poi la mia piccola bimba ci ha messo gli occhi sopra. Ho dovuto scegliere se continuare a tenerlo nell'armadio, oppure se dargli nuova vita con lei. Bè, la sua seconda vita non è stata lunga come la prima, dopo pochi giorni si è ritrovato arruffato, sporco, con un braccio mezzo scucito, senza cuffietta né babbuccine. Però è quotidianamente coccolato, e credo quindi che stia di gran lunga meglio adesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo aver visto Toy Story sono assolutamente d'accordo con te, per i giocattoli è meglio avere un compagno di avventure (anche un po' forti ;)) piuttosto che l'armadio.
      Purtroppo Alex si è stufato subito ... devo ritrovare una foto in cui cicciobello e mio figlio di pochi mesi stavano uno di fianco all'altro :D

      Elimina
    2. .... in questo caso avere una figlia femmina che adora le bambole, è stato determinante... ;-)

      Elimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...