venerdì 5 aprile 2013

Immagini di buonumore prêt-à-porter


Allora piove. Ancora.
E c'è troppo freddo. Ancora.
Eppure l'umore si mantiene altino.
La sensazione è quella di aver raggiunto un qualche obiettivo o di aver ricevuto un qualche regalo, senza che realmente ciò sia accaduto. È strano ma la lettura del mio primo libro sulla legge dell'attrazione mi ha davvero fatto comprendere la necessità di tornare a sognare, ad immaginare, a desiderare.
Sono stata per troppo tempo concentrata su ciò che non andava e su ciò che non volevo ma avevo smesso di pensare “io voglio”. Perché quella vecchia storia dell’”erba voglio” che mi hanno insegnato da bambina non l’ho mica mai bevuta fino in fondo ma ci ho messo decenni a liberarmene.


Più passano i giorni e più chiarisco con me stessa ciò che desidero essere e fare.
Diciamo che è una versione allargata del mio vecchio gioco di arredare mentalmente la casa di montagna ideale. In questo modo diventa decisamente più facile far fluire pensieri positivi e allontanare le tensioni. Evidentemente era il momento giusto per spostare le energie.

E attorno accadono cose buone.

Prima di tutto Alex ha scelto il suo primo sport! Chi legge questo diario da un po’ sa che questa è una grande notizia, un piccolo ma fondamentale passo avanti. 
La scuola in questione è vicina a casa e lui ha spontaneamente manifestato interesse e curiosità. Così suo padre ce l’ha portato e – vinto dal clima amichevole che ha trovato – ha deciso di iscriversi pure lui.
Quindi domani padre e figlio faranno la loro prima lezione di … tiro con l’arco!
Ok, trascuriamo il dettaglio che talvolta nell’intimità genitoriale noi Alex lo si chiami il “serial killer” … sempre con tanto affetto, chiaro. E trascuriamo che dargli in mano un’arma potenzialmente mortale può apparire un controsenso …
Mai visto mio figlio così determinato. Certo alla seconda prova ha tentato di non presentarsi perché era in rissa con noi ma poi ha vinto la passione. E pare pure sia portato … manco a dirlo :-)
Pare ci sia stato un boom di iscrizioni dopo l’inizio della serie tv Arrow, a domanda dell’istruttore mio marito ha risposto “No, noi non la guardiamo ma mia moglie sì” … Ecco, grazie.
Sull’argomento degna di nota è la scena in cui mio figlio si presenta in cucina dove io me no sto serenamente davanti alla televisione a gustarmi il suddetto telefilm e mi chiede:
- “Perché guardi questo film?”
- “Perché c’è una storia intricata e misteriosa e poi, vedi, il protagonista è anche un bel ragazzo” (risponde la madre tanto per fare la spiritosa … ma non impara mai quella?!)
- “E tu vorresti lasciare il papi per stare con quello?”
- “Tesoro mio, ma figurati, potrebbe essere mio figlio e poi è un personaggio finto …” (neppure se si sposta l’asse terrestre “quello” potrebbe mai filarsi tua madre).
Come si può notare anche dalle nostre parti riusciamo a farci le nostre belle risate … composte!

Poi sabato sera abbiamo trascorso una bella serata a casa di amici e lì è accaduto l’irreparabile: Alex ha scoperto Monopoli.
Va bene, siamo stati genitori crudeli a tenerglielo nascosto ma quando tuo figlio è fanatico dei numeri e il suo personaggio preferito è Paperon de Paperoni … tu sai già a cosa andrai incontro!
A due anni sapeva già giocare perfettamente al gioco dell’oca e non parliamo della tombola, ma almeno si tratta di giochi brevi e innocui. Ma Monopoli può essere infinito … e lui tutto il tempo a contar soldi, dare resti, comprar case … indovinate chi fa la banca?!
Mio marito ha dunque tirato fuori la sua scatola del quarantennale (in lire ovviamente) e abbiamo scongiurato il pericolo di dover acquistare anche la versione in € spostando l’attenzione verso un gioco – privo di numeri - che avevamo apprezzato dai nostri amici di Pavia, Labirinto (vedi Monica che siamo pronti ad accogliervi!).

E ancora penso ad appuntamenti che sto organizzando, a persone che finalmente riuscirò ad incontrare, a nuove esperienze per me ma anche per mio figlio … ne parlerò appena avrò maggiori dettagli ma ne sono già felice!

Infine menzione speciale alla nostra gatta Potter.
Piccolo gioco “scoprite le differenze”: cosa è cambiato in quasi 5 mesi?!



Oggi la cucciola (quasi nove mesi e kg. 4,6!) è stata sterilizzata e ha mostrato anche in questo frangente la sua forza. Le ho messo una maglietta per evitare che si leccasse troppo … non le dite che l’ho fotografata così!
  


Ah … nel frattempo è uscito il sole!
Buon fine settimana a tutti.



P.S.  Se volete continuare in leggerezza potete partecipare al simpatico concorso che si è inventato BABBOnline … indovina indovinello …


60 commenti:

  1. Che belle notizie!!! Brava Marzia, usa in positivo la "profezia auto realizzante"! Un bacione Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, li avevo letti e sentiti tante volte questi concetti ma in questo momento hanno preso ad avere un senso "reale", e a quanto pare funziona o almeno mi piace pensarlo!

      Elimina
  2. Questo post mi piace: mi piace tutto quello che racconti, come le racconti e mi fa tenerezza Alex e le sue passioni, magari ci sarà chi pensa che non è normale, ma io lo vedo come un bambino originale e fuori dagli schemi, finalmente!!! Non se ne può più di vedere bambini e bambine con gli stessi interessi e le stesse passioni! E per me giocare con i miei figli a Monopoli infinite volte è davvero un sogno, perchè anche io adoro i numeri! E magari ho fatto un commento senza senso, ma sappi che vi abbraccio forte!
    E manda un op' di sole pure qua che invece non esce manco a pagarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sole se n'è già andato, mi spiace!
      Alex è senz'altro un originale e non vorrei mai cambiarlo, sono riuscire a comunicare in modo efficace e sereno. Ma ci stiamo lavorando ... Grazie per l'abbraccio!

      Elimina
  3. nooo la scatola del quarantennale, io lo chiamo quarantesimo, l'avevo anch'io. Ha i segnalini di metallo, vero? Non mi piaceva per niente, fu un regalo di una zia, che devo dire poraccia faceva dei bei regali, e io non me la filavo per niente, comunque questa edizione di MONOPOLI fu buttata, e ora penso che farebbe la gioia di qualche collezionista. Che scema. Sono molto contenta per questo tuo post, mi piace un sacco questa tua positività. E ti dico mi fa pure piacere aver rivisto la scatola. Grazie due volte allora. E enjoy!!
    sandra frollini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segnalini assolutamente in metallo, giusto! Non avevo pensato fosse un gioco da collezionisti, oltretutto sia la scatola sia l'interno sono ancora perfetti.
      Riguardo alla positività sono in buona compagnia in questi giorni e sono tanto felice per voi!

      Elimina
  4. Ed io che non vedo l'ora che cresca per giocare a tutti i giochi da tavolo possibili ed immaginabili che adoro, Moopoli in testa!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche a me piacciono i giochi di società, solo che non sopporto più i dadi, ne abbiamo accumulati decine (ogni colore, truccati, rotondi, a 8 facce, a 20 facce ... ) ... mi puoi capire?!

      Elimina
  5. Qualche mese fa mi è capitato di leggere il libro sulla legge dell'attrazione, credo che sia uno di quei libri che quando lo leggi e chiudi le pagine pensi che siano tutte sciocchezze. Ma poi ripensandoci a mente tranquilla ti rendi conto come ti capita di renderti conto come una persona nervosa o particolarmente negativa in una stanza, es. in un ufficio, riesca a trasmettere queste sensazioni negative anche agli altri. E, al contrario, come possa essere contagioso un sorriso.

    Il tiro con l'arco è molto affascinante, richiama storie di cavalieri, e richiede anche disciplina. E' un po' la pistola degli antichi, permette di uccidere a distanza evitando il corpo a corpo. Poi si porta dietro anche una certa filosofia, come spiegato ne "Lo zen e il tiro con l'arco". Per me ha sempre interessato il fatto che per centrare un bersaglio devi necessariamente puntare più in alto. L'ho sempre preso come spunto. Secoli fa lo hanno considerato anche un insegnamento (ne Il principe). Insomma BELLA SCELTA!

    Anche io aspetto che mia figlia cresca per i giochi da tavolo. Sono contento che non siano del tutto spariti per colpa dei videogiochi.

    P.S. Buon "Indovina indovinello" a tutti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' successo anche a me, subito mi sembrava tutto troppo "finto" poi ho iniziato a coglierne gli aspetti più utili per la mia realtà.
      Grazie per queste informazioni sul tiro con l'arco, molto interessanti! Approfondirò con Alex ...

      Elimina
  6. Io quando vado a dormire mi capita spesso di pensare/sognare di arredare una fantomatica casa al mare........
    E' bello sapere che si sta appassionando a uno sport.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è molto importante che abbia accettato di mettersi in gioco, sebbene ancora mediato da suo padre. Spero davvero si appassioni e abbia voglia di continuare ...
      Bello arredare una casa immaginaria, vero?

      Elimina
  7. A) La scatola dei 40 anni viene dagli anni d'oro di Marito. Io ho conservato la mia versione ancora più antica con la quale facciamo anche noi interminabili partite (in lire) con un Bambino amante dei numeri, quando ci stanchiamo di giocare a Labirinto ( :) ) o a scopa.
    B) Anch'io ho fatto indossare a Gatto Grosso una maglietta per evitare che si leccasse troppo la ferita, dopo una operazione di rimozione di una cosa brutta alcuni anni fa.
    C) Anch'io ti ho citata nel post di oggi.
    Sai che continuo a pensare che io e te in un'altra vita eravamo sorelle gemelle?! In questa vita però l'altezza te la sei presa tu e io sono rimasta bassa! :P
    Tiro con l'arco... Dì a Robin Hood che lo stringo in un abbraccio strettissimo.
    La gatta è bellissima: non vedo l'ora di coccolarla un po'. La bella stagione è alle porte. Tra un po' arriviamo!
    Un abbraccio,
    Monica
    PS: sai che le versioni nuove di Monopoli che ho visto nei negozi non hanno più soldi raffiguranti valute reali, ma sigle?? Bah, non fanno più i giocattoli di una volta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! Io mi sarò presa l'altezza ma tu tante altre bellissime cose!
      Vi aspettiamo a braccia aperte, gatta compresa ... dopo la dovuta convalescenza!

      Elimina
    2. X Non dire che si chiama MONOPOLY con la Y finale, che palle sti stravolgimenti!!!!
      sandra

      Elimina
  8. Bene, bene, bene. Questo post mi piace, mi mette di buonumore :-)
    Spero ce ne saranno tanti altri così, perchè significherebbe che le cose girano nel verso giusto ;-)

    Un abbraccio a te e uno anche al Robin Hood in erba!!!

    PS: la gatta con la t-shirt è fortissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Lo spero anch'io!
      Adesso la povera gatta se la dorme tutta avvolta nella copertina, se la sta cavando bene ma ha pur sempre un bel taglietto :(

      Elimina
  9. Sono molto contenta per questa ventata di cose molto positive!
    Per tuo figlio che si apre al mondo!
    La tua gatta è bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonostante il vento sia gelido, dentro sento un bel tepore e me lo godo finché dura.
      E da leggo la stessa voglia di estate!

      Elimina
  10. W il tiro con l'arco, i giochi vintage e la gatta sempre più bella!
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio vintage, come me!
      Abbracci anche a voi!

      Elimina
  11. ... a Natale sono stato brutalmente sconfitto a Monopoli dai miei nipoti... e la versione nuova è ancora più bella. La sfida con tuo figlio la salto... altrimenti mi umilia.
    Sull'arco secondo me è uno sport bellissimo... come il golf! Evvai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è decisamente bravo ad accumulare denaro ... speriamo sfrutti il talento in futuro! :D

      Elimina
  12. Sono tanto felice per voi!! Sport bellissimo, gioco stupendo da fare in famigliae gatta meravigliosa :)
    Bravi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia gatta è proprio speciale, come Attila, è la più equilibrata della famiglia e sono molto contenta che ne faccia parte!

      Elimina
  13. :-) Ciao Marzia, mi intrufolo un attimo, ho visto che ti sei aggiunta fra i miei lettori. E' stato come un richiamo e.....ci sono anche io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ma hai fatto bene, io ti leggo da un po' e i tuoi racconti mi sembrano così completi da non riuscire ad aggiungere nulla ... ma ci riuscirò vedrai :)

      Elimina
  14. Bravissima. E bravo Alex, che non e' un bimbo, e' gia' grande da un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggerlo oggi nel mezzo di una giornata meno splendente mi riporta a migliori pensieri ... montagne russe come al solito!

      Elimina
  15. Forte tiro con l'arco!! Vedi che qualcosa del sagittario lo ha?;-) buona domenica cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto pare è vero! Ieri la prima lezione è andata bene, Alex è sempre più convinto e anche gli istruttori sono contenti di avere in "squadra" bimbo e babbo ... altro che Arrow, io c'ho gli arcieri in casa! :D

      Elimina
  16. Noto un certo umorismo inglese dalle risate composte in casa :-)
    Sono felice che le cose si risollevino e volgano al meglio, che Alex trovi a poco a poco la sua dimensione e passioni che lo soddisfino e che tu possa tirare un meritato sospiro di sollievo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto inglese, hai ragione, qui non si ride mai sguaiatamente che l'erede si turba.
      Speriamo che la passioni si mantenga e lo porti ad una maggiore condivisione con l'esterno, forse così riuscirà a vivere meglio anche quando il mondo entra in casa sua.

      Elimina
  17. C'è un "premio" per te.
    http://babbonline.blogspot.it/2013/04/un-premio-per-babbonline.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E grazie anche qui ... e che Daria si prepari :)

      Elimina
  18. ma che sport fighissimo èil tiro con l'arco?!!
    e quante cose positive, danno forza anche a me solo a leggerle :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sembra un bell'ambiente, semplice e amichevole. Per ora ci piace proprio tanto!

      Elimina
  19. Adoro il tiro con l'arco. Tanti anni fa ho fatto anche un corsetto ed era uscito che ero portato e che avrei potuto praticarlo con più continuità. Ma io sono uno che come hobby colleziona hobby e non ho aggiunto in agenda un'ulteriore cosa da fare male.
    In compenso sono uguale spiccicato a Galliazzo, il campione olimpico padovano. Se vuoi ci incontriamo e facciamo fare una foto tarocca con vip tarocco ai tuoi arcieri ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti troveresti bene con mio marito, il miglior collezionista di hobby del mondo! Inutile dire che ora è il tiro con l'arco il suo futuro :D
      Galliazzo è fantastico, peccato sia così difficile seguire questi sport ma alle Olimpiadi non perdo mai una gara. Per la foto ci conto!

      Elimina
  20. Ciao Marzia, ce l'ho anch'io quel Monopoli!!
    Il tiro con l'arco trovo sia un sport elegantissimo. Anche la mia Superdonnina ha fatto una prova e le era piaciuto moltissimo. Non ha potuto però fare il corso, perchè è già impegnata 4 giorni a settimana con la danza ... sarebbe diventato un massacro.
    Il sole è durato veramente poco, vero? Che grigiore! E che freddo fa oggi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quanti ne avevano venduti?! Certo è un bel gioco, eterno.
      Il clima è terribile, troppo freddo e grigio ... quando ci ridanno il caro vecchio aprile tiepidino!

      Elimina
  21. sì, sì e si. anche io sono affascinata dalla legge e dell'attrazione e da tutto quello che gravita intorno. lavoriamoci su, le cose verranno. e io ti auguro il meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Voglio davvero impegnarmi a ricostruire i pensieri, tanto deprimermi non mi ha portato nulla di buono quindi vale la pena provarci.

      Elimina
  22. Quanto è gradevole questo post, Marzia. Mi ha fatto veramente piacere leggerlo. PS: io mio Ale adora il tiro con l'arco e ovviamente il Monopoli. Dev'essere il nome, dev'essere :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nome e anche l'anno ... certo che non scherziamo noi due, nate a due giorni di distanza e con due Ale classe 2004 ... sarà questo, insieme al tuo modo di reagire alla vita, che mi piace così tanto :)
      E sui refusi ti assicuro che la battaglia sarebbe durissima!

      Elimina
  23. IL mio Ale, non IO MIO Ale. Benedetta miseria! Dovessero un giorno indire un concorso come reginetta del refuso, per le altre partecipanti non ci sarebbe gara.

    RispondiElimina
  24. Marzia grazie per essere passata da me..adoro Monopoli!!mio marito non vuole mai giocare perché dice che è un gioco lunghissimo e mio figlio è ancora troppo piccolo..posso venire a giocare con voi?!?
    Bella l'idea della maglietta contro il lecco della micia..non ci avevo pensato io all'epoca con la mia!!
    A presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Francesca! Se ti ritrovi a passare nel torinese noi siamo a disposizione per un partitone. Un abbraccio.

      Elimina
  25. Mi hai fatto venir voglia di tirar fuori il Monopoli. Mia madre l'ha comprato a Daniele circa un anno fa (la mia vecchia scatola non si trova più!) e appena comprato ci abbiamo giocato varie volte. Ora è da tanto che non facciamo una partita in famiglia. Certo con Elisa in giro è un problema. Curiosa com'è comincerà a mettere le mani ovunque, a perderci tutte le case e gli alberghi,a strappare i soldi...dobbiamo aspettare che vada a dormire :-)
    Flo
    P.S. Odio dire "te l'avevo detto" ma...te l'avevo detto che con l'arrivo della primavera sarebbe arrivata una ventata di positività!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è bastata solo l'idea della primavera perché per ora qui c'è ancora un gran freddo!
      Comunque anche qui l'entusiasmo per il Monopoli sta scemando ... meno male ... a piccole dosi è meglio :)

      Elimina
  26. Ciao, ti ho "premiato"...

    leggi qua:

    http://diventaregenitori.blogspot.it/2013/04/piccoli-blog-crescono-liebster-blog.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Che dire ... grazie davvero ... voi lo sapete quanto male gestisco i premi ma proverò ad inventarmi qualcosa delle mie, spero abbiate pazienza :)

      Elimina
  27. hai inizato un abuona buona strada con la loa..un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un passo avanti e due indietro ma si va ... oggi non è una buona giornata ma non perdo l'ottimismo, speriamo mai più!

      Elimina
  28. Che patatona la tua micia...
    Anche la mia pulzella ha una passione per il tiro con l'arco...merito di Merida di Ribelle...è sempre in cerca di un ramo apposta per costruirsi un arco.

    Se non ti disturba vorrei lasciarti qualche premio (tutti o a scelta ;P) qui http://curvymommystyle.wordpress.com/2013/04/11/award-3-4-5/.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie e benvenuta! Inizio ad arrossire per tutta questa gentilezza ... mal riposta visto come passo io i premi :))
      Nel fine settimana provo a mettermi d'impegno perchè devo assolutamente venire anche a leggere un po' delle vostre storie, sono molto in arretrato. Allora a presto!

      Elimina
    2. mi fa piacere, ma non ti strapazzare ;)

      Elimina
  29. Ma se ti rispondo con un commento più lungo del tuo post che figura ci faccio?
    provo la sintesi (oddio non sono capace!!!!):
    - che bello! Contentissima per voi.
    - quei libri mi mancano, ma mi attirano (appunto)
    - che coda enorme!!! (vi invidio, sappilo, qui c'è chi millanta un'allergia ai peli di gatto, eSSe e io ci dobbiamo accontentare del gatto di peluche che le hanno regalato (orrore, fa impressione tanto sembra vero, miagola pure)
    - noooh! Peggio solo il Risiko (io amavo il Trivial, dovrei tacere...).
    - che bello che bello che bello: buoni incontri!
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ops, ho dimenticato la cosa più divertente, mi sono piegata dalla risate leggendo il siparietto domestico di risate composte, le mie non lo erano...

      Elimina
    2. Anch'io pazza per il Trivial, cavoli sarà servito ben a qualcosa studiare per anni con dedizione le materie più inutili ma ottime per i quiz, no?!
      Per il gatto ... mio marito continua a lamentarsi per sport ma poi il mattino quando la gatta lo va a cercare per farsi fare le coccole si scioglie!

      Elimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...