sabato 28 aprile 2012

Ta-lenti


Questa settimana due fatti legati alla scuola mi hanno condotto ad alcune riflessioni. Ho sempre avuto difficoltà a concentrarmi sul “qui e adesso”, la tendenza a pre-vedere e pre-occuparmi mi è stata passata col latte materno. Quindi sono stata oltremodo soddisfatta di me quando, diciamo un paio di anni fa, ho cominciato seriamente a darmi obiettivi molto più a breve termine. Talvolta riesco addirittura a non pormi obiettivi!
Su una cosa però sono fondamentalista … ma andiamo con ordine, altrimenti mi perdo.

martedì 24 aprile 2012

Anniversario di vita

Oggi è una giornata particolare, ogni anno mi tornano gli stessi pensieri e questa volta provo a scriverli. Il 24 Aprile per la mia famiglia rappresenta un doppio anniversario. Sei anni fa mia madre veniva ricoverata per un tumore al cervello. Diciotto anni fa mio padre usciva dall'ospedale - dopo quasi due mesi - dopo l'invasiva asportazione di un carcinoma alle corde vocali.   

domenica 22 aprile 2012

Diversità, # prima parte: l’indaco è un pezzo di arcobaleno


Presa da qui

Mio figlio ha sempre amato l’arcobaleno, fin da piccolissimo mi faceva ripetere tutti i colori e poi prendeva le matite e tirava i segni uno dopo l’altro. Per uno che non ha mai amato disegnare significava proprio passione.
Un giorno, avrà avuto 4 anni, stava guardano un cartone della Casa di Topolino durante il quale ripetevano proprio i colori dell’arcobaleno. E lui “ma ne dicono solo 6, manca l’indaco! Manca l’indaco!”. E non si poteva fregarlo così, la parola indaco aveva poi un fascino particolare e ogni volta dovevamo impazzire per trovare la matita che riproducesse proprio quel colore dallo strano nome.

venerdì 20 aprile 2012

Alienaggini

Interno casa anzi, quasi interno letto:
"Buona notte amore, ti voglio bene"
"Mamma ma quante volte mi hai già detto <ti voglio bene>??"
"Millemila"
"E va be' ma non esiste, sarebbe come dire un milione ... mille-mila"
Ahahahahah (risata notturna sommessa)
"Mamma perché ridi?"
???????!!!!!!!

Morale: mai scherzare con un alieno, neppure se ha un occhio già chiuso dal sonno. Lui non abbassa la guardia, mai.

P.s. Oggi avrei voluto scrivere altro ma non sono pronta. Quindi un buon fine settimana col sorriso!

martedì 17 aprile 2012

Cose Belle



Oggi vorrei provare a rispondere – col mio solito ritardo - ad un invito che molto carinamente mi e' stato fatto da Ci'. Fare una classifica dei propri piaceri della vita parrebbe una cosa semplice ma alla fine resta sempre indietro qualcosa, oppure si finisce per dire troppo.
In questo caso ho deciso di concentrarmi solo su di me come persona, come donna, lasciando momentaneamente da parte la famiglia. E’ ovvio che molti dei momenti belli della mia vita riguardano i due uomini che la popolano ma ora vorrei uno spazio solo per me.

venerdì 13 aprile 2012

Jovanotti pensiero

Il mio bambino e' triste.  Deluso.
Per la prima volta si trova ad affrontare un "tradimento" e proprio dall'unico amico che aveva superato le sue barriere.
Da qualche tempo AmicoF ha trovato un nuovo compagno di giochi e ha ri-abbandonato al suo solitario destino un incredulo Alex. Gli intervalli sono di nuovo lunghi e immobili, ma soprattutto lui non lo accetta sul piano morale.

martedì 10 aprile 2012

comPassione

Questa è stata una Pasqua particolare, ho fatto i conti con un certo disagio verso la liturgia e la tradizione che da anni trascinavo senza volerne prendere atto.
Ci sono punti da chiarire e decisioni importanti da prendere, ma non subito. Con calma.
Mentre mi chiedevo che significato dare a queste giornate, per andare oltre il pranzo in famiglia e le uova da scartare, mi sono imbattuta in un articolo de La Stampa dal titolo interessante “Educare alla compassione”.

mercoledì 4 aprile 2012

Pazzo

Stanotte ero sveglia, i pensieri e la tosse a tenermi in un torpore fastidioso e infinito.
Stralci di vita, pezzi di conversazioni, sensazioni e sentimenti, tutti pressati e confusi.
Poi mi sono soffermata su una parola, una sola ma forte. Assordante.
Pazzo. 

domenica 1 aprile 2012

Aeroporti e giardinetti


L’abbinamento pare un azzardo, lo so. Eppure nell’ultima settimana ho avuto modo di assistere ad un concatenamento di eventi che hanno prodotto una riflessione interessante. Almeno per me.
Premessa. Mio marito è stato terrorizzato dall’idea di volare fin dall’infanzia. Ci siamo conosciuti molto giovani e io – soprattutto per lavoro – ho sempre volato. Da sola. Le nostre vacanze sono state limitate e vincolate dal suo rifiuto categorico di salire su un aereo ma questo non è che io lo abbia mai considerato un grosso dramma.