lunedì 30 luglio 2012

Praemium et Olympia

È inutile, come ogni volta le Olimpiadi mi risucchiano in un vortice dal quale non riesco ad emergere. Io che sportiva non sono mai stata, io che ho la capacità di coordinazione di un bradipo sordo e cieco, io che non capisco le regole praticamente di nulla … eccomi per l’ennesima volta persa tra nuoto, fioretto, tiro con l’arco, atletica, tennis da tavolo, canottaggio, etc. etc.
Se poi la gara coinvolge qualche atleta del volgo italico, l’ansia e la commozione diventano addirittura rumorosi, tifo ed esulto smodatamente.
E poi ci sono le singole storie - che non hanno confini o geografie - di coraggio, di caparbietà, di rinascita, di lotta sociale, di carriere che iniziano e carriere che finiscono. Io le adoro tutte.
Per me le Olimpiadi sono prima di tutto il momento in cui persone speciali, capaci di dedicare davvero la vita per un obiettivo, vengono messe davanti al meglio e al peggio di sé. E questo mi emoziona comunque.
Mi è già capitato di parlare di talenti e di come ritengo importante riuscire a scoprirli in tempo per realizzare i propri sogni. Questi sogni possono essere diversi, diversissimi, non è importante, non potrei mai dare una scala di rilevanza. La rilevanza sta nelle singole vite, quelle che siamo chiamati a portare avanti ogni giorno.
E qui oggi parlo di sport, non di volontari che rischiano la vita in zone di guerra. Me ne rendo conto.
Però vedere sfilare tutti quei ragazzi provenienti da ogni angolo del mondo, di ogni colore, di ogni religione, di ogni ceto sociale, accomunati dall’amore verso lo sport e dalla fatica di arrivare in cima alla vetta del mondo … ecco a me fa bene al cuore.
Perché nel nostro meraviglioso Paese quello che più manca in questo periodo è la speranza, quella a lungo termine, quella che ti fa lottare anni per giocartela in una manciata di minuti. Quella che ti fa dire comunque che ne valeva la pena.

E con questo tripudio nel cuore mi accingo a ringraziare per altri premi che sono arrivati in questa umile dimora. E va bene, non è che ho vinto una medaglia d’oro ma sono felice lo stesso.
Solo che chi si arrischia a darmi questi premi forse non si ricorda di come io riesca a rovinare la catena e incasinare le regole ... anche se il mio “premio surreale” l’ultima volta mi pare sia piaciuto parecchio J
Allora veniamo al dunque.

Ringrazio Eu di Tre cuori di mamma per questo Versatile Blogger, meravigliosamente verde speranza.

E poi ancora Raffaella di Mammamimmononsolo e Robin :D di Dove ho visto te per il Liebster Blog, che stare tra i “favoriti” di qualcuno è una cosa stra-bella.

Ora dovrei dire un tot di cose di me e, visto che quelle più spiritose le ho già dette (certo detto da me “spiritoso” è un aggettivo esagerato), passiamo a quelle - che insieme ad infinite altre - abbassano drasticamente il mio livello di autostima. Ma si sa che un blog è un pò una terapia e oggi ho necessità di spurgare ...

1) Quando raggiungo un livello di stress eccessivo mi isolo e dico - tra me e me - le peggio cose di chi è causa del mio malumore, ma proprio insultoni; spesso impreco contro mio figlio, lo ammetto!

2) Ho pagato troppo una dietologa illudendomi che questo mi avrebbe tenuta ligia ai dettami anti-ciccia; tentativo fallito, se smetto anche di mangiare mi ricoverano alla neuro. Diciamo che almeno ho invertito il trend dell’ingrasso costante.

3) Mi mancano terribilmente le serate io e mio marito spalmati sul divano a guardare tv-spazzatura.

4) Non bevo praticamente mai alcolici ma talvolta mi compro una bottiglia di vino, senza pretese, bianco e frizzante e me lo bevo proprio con una grandissima soddisfazione alla faccia del marito semi-astemio che mi guarda come fossi un’alcolista.

5) Non amo il mio guardaroba, da quando il rapporto col mio corpo si è deteriorato non ho lo stimolo allo shopping (ma sono sincera io sono sempre stata allergica al giro negozi, sono un esemplare femminile un pò strambo); continuo a minacciarmi “finchè non ritrovi la tua taglia non avrai vestiti nuovi!”.

Ok, direi che come spurgo può bastare!
Come al solito chiunque passi di qui può prendersi i premi (ma poi lo so che non lo fa nessuno, solo che proprio non ci riesco a fare selezioni, sorry!).
In alternativa potete prendervi il mio nuovo premio fantasia “Il lato oscuro del blogger” e spurgare qualche brutto pensiero anche voi J

 
Buona settimana a tutti! (per me l’ultima al lavoro prima delle vacanze ...)

4 commenti:

  1. Che bel post :)
    Anche io non sono per niente sportiva ma le olimpiadi mi emozionano tanto.
    Buona ultima settimana!

    RispondiElimina
  2. ahahah con lo spurgo mi hai svoltato questo lunedì iniziato in maniera pessima! :)

    RispondiElimina
  3. Congratulazioni!! E anche io mi sto godendo l'overdose sportiva, certo mi propinano piu' merricani che europei ma lo sport e' bello (quasi) tutto.

    RispondiElimina
  4. Ciao Marzia, Per la prima parte direi che condivido.
    per lo spurgo mi sento quasi a casa.
    A presto!

    RispondiElimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...