martedì 22 maggio 2012

Altezza mezza bellezza? Nel dubbio … tacchi!


L'altro giorno mi sono imbattuta in una iniziativa de La Staccata, dal titolo evocativo "Staccate versus Taccate". E ho deciso di partecipare al sondaggio così, d'impulso.
Poi gli eventi del fine settimana mi hanno rallentato e ovattato, sembrava tutto eccessivo dalle lacrime alle risate.

Però stasera un po’ di voglia di ridere ce l’ho, diciamo che mi serve una vagonata di spensieratezza e lo faccio pensando alla mia vita “taccata”.
Io amo i tacchi, non le scarpe in genere, solo quelle che mi portano alla mia altezza ideale.
Non esagero mai, al massimo tacco 10, ma ciò mi consente di rasentare il metro e ottanta e da lì io mi sento benissimo. Ma proprio meravigliosamente bene.
Cambio prospettiva e umore. Sono più spavalda, più sicura, più sorridente, guardo anche mio marito direttamente negli occhi e quindi tutto si equilibra. Non so spiegarlo, quando salgo di 10 cm è come se entrassi nel mio vero corpo, quello che il mio cervello riconosce come proprio. So che Luana si aspettava considerazioni elevate, filosofiche, ma a me viene da dire questo. Da ragazza, per gli anni dell’adolescenza, mi vestivo spesso con maglioni informi e camicioni per nascondere un corpo ingombrante di forme (stile Sophia Loren, per intenderci … ho detto solo stile!) mentre la mia mente era perfetta per una diafana come Audrey Hepburn. Io ero stata pelle e ossa fino a 14 anni, ero una ballerina classica ideale e poi booom! Esplosa. Ma il mio cervello non si è mai rassegnato alla mia taglia di reggiseno!
Non potendo far molto per il resto del corpo ecco che sono arrivati i tacchi. Con quelli le proporzioni mi parevano tornare un tantino di più, mente e corpo più in sintonia.
E’ ovvio che nel tempo le abitudini sono cambiate, ora la mia percentuale di giorni “taccati” è drasticamente scesa rispetto al passato ma non è colpa della maternità. Ameno questo, eh, povero figlio bistrattato!
E’ che i chili di troppo hanno modificato il rapporto col mio lato femminile, col mio sentirmi a mio agio con abiti adatti ad essere indossati con i tacchi. Certo si può ovviare con un bel paio di stivali e un pantalone classico, elegante e altissima!
Che poi mica tutte le calzature dotate di tacchi richiedono abilità acrobatiche, assolutamente. Molte sono comodissime e te le tieni addosso tutta la giornata senza effetti collaterali (calli, vesciche e amiche varie). Però accortezza al momento della scelta, se la scarpa non solo ha il tacco è alto ma appena ci infili il piede lo senti come dentro una morsa o peggio come la carne macinata pronta a diventar salame … allora no! Scarpe belle, ok, ma se dopo un’ora daresti mezzo alluce pur di uscirne fuori allora no, non fanno per me.
Una mia collega e amica, che da anni ci rasserena la vita con episodi che se li raccogliessero in un libro farebbero morire dal ridere l’umanità, fece il suddetto errore durante una fiera. Una giornata in piedi e poi – praticamente in lacrime – di corsa a prendere il treno. Arrivata alla stazione (Milano Centrale!) decise che non avrebbe potuto sopportare un minuto di più. Quindi aprì la valigia e ne tirò fuori uno stupendo paio di ciabatte rosa, perfette per il tailleur nero classico. Immagine e icona della taccata disperata.

Quindi, una volta risolto il momento della scelta, ecco che il tacco può diventare compagno fedele delle giornate cittadine, calde o fredde, estive ma soprattutto invernali.
Insomma è provato, un paio di tacchi “sollevano”!!

E voi di che tacco siete?


25 commenti:

  1. io adoro i tacchi. adoro le scarpe. mi piace vederle nell'armadio, ma ancora di più sceglierle. ora con il plateau sono un tantino più comode!
    anche la mia percentuale di giorni taccati era scesa, ora che le figlie sono cresciute mi sto rifacendo un pochino!
    divertentissimo questo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora partecipa, mi pare che tu sia più Taccata di me ...

      Elimina
  2. Anch'io volevo prendere parte a questo gioco, ma non sono capace di applicare il banner della staccata (tecnicamente non so neanche ke kavolo siano i banner..vabbe'..)
    Io sono mentalmente taccata, ma fisicamnete staccata. Mi spiego: alta 1.78, marito 1.75 con andatura da playmaker (spalle in avanti e in basso INSOMMA SEMBRA ANCORA PIU' BASSO DI ME!),ma il vero dramma non e' l'altezza e' il numero di scarpe! Porto il 43 maledizione...Eppure nell'animo sono una con i tacchi altissimi ed il tailleur con la gonna a spacco. Davanti alle vetrine quasi mi viene da piangere: PERCHE' IO NOOOOO?!?!?!?!

    RispondiElimina
  3. Marzia carissima, è un onore inaugurare la mia pacifica diatriba con il delizioso post di una Taccata! Non potevo desiderare di meglio! Lo inserisco subito nella pagina del mio blog, precisandoti che non mi aspettavo affatto riflessioni filosofiche. Ma chi, io? :-)
    Sì, anch'io come qualsiasi genitore in questi giorni avevo voglia di fare tutto, tranne che sorridere. Ho lanciato questa iniziativa alla vigilia della tragedia di Brindisi, venerdì scorso. Ovviamente non potevo immaginare...E' per questo che ho omesso di scrivere nuovi post in questi giorni. Un "silenzio stampa" mi sembrava a dir poco doveroso.
    La sai una cosa curiosa? Sono anch'io una tettona generosa e adoro Audry al di sopra di ogni umana immaginazione. Grazie Marzia, sei stata una madrina d'eccezione!
    @Scake: ciao! Il post di unadonna alta 1.78 sull'argomento sarebbe fantastico!!! Te lo scrivo dal basso del mio metro e cinquantanove di "altezza". Per prelevare il banner devi semplicemente clikkare con il tasto destro del mouse e fare il copia e incolla del codice (sì, quello che sembra scritto in egiziano antico). Poi lo incolli nel tuo template, c'è sicuramente una sezione nel tuo admin dove puoi inserirlo. Puoi farcela, te lo assicuro! Se ci è riuscita una demente informatica come me, chiunque può farcela!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tenchiu Staccata! Ehm...adesso vado subito a cercare cosa e' un admin e poi magari anche un template e poi copio ed incollo il codice del banner...
      Controlla fra qualche giorno se ce l'ho fatta, ma non garantisco ah! ah! ah!
      Sei una forza
      Scake
      ps scusa Marzia se uso il tuo spazio per fare i complimenti alla Staccata

      Elimina
    2. Ma certo! Ripasso a controllare :-)
      Daaaai, ti assicuro che non è difficile. 'sti termini del cavolo spaventano chi non è troppo pratico di diavolerie informatiche (me per prima) ma vuole dire semplicemente che devi smanettare (con calma, mi raccomando) nel pannello di controllo del tuo blog (admin) e cercare uno spazio nel quale tu possa incollare il codice che trovi sotto ai banner. In alcune piattaforme lo chiamano "widget", in altre semplicemente "banner" o "bottone". Insomma, qualcosa deve pur esserci anche da te, ne sono certa!
      Ora chiedo scusa io a Marzia per aver invaso senza autorizzazione il tuo spazio. Ma ho una missione, io: aiutare chi, come me, ogni volta che tocca qualcosa nel blog ha paura di far esplodere il pc.

      Elimina
    3. Per me nessun problema, anzi, più si partecipa e più abbiamo occasione di sorridere :) Certo Scake che tu andresti bene con i miei uomini sia come altezza sia come numero di piede ... mio marito 1.80 per n. 45 e mio figlio (normalissimo 1.30)già n. 36!! I suoi piedi erano l'unica cosa ben evidente già nelle ecografie. Comunque adesso con la nuova generazione di ragazzi credo non sia così difficile trovare scarpe carine del tuo numero. Però del resto a te basta una paperina per essere alla mia altezza ideale!

      Elimina
  4. Pochi tacchi per la maggior parte della mia vita, sono alta 1.75 e mi imbarazzava oltremodo svettare clamorosamente sulla maggior parte dell'umanità.
    Adesso ho il marito alto due metri.
    Non gli indosso spessissimo, per il lavoro mi sono interdetti visto che mi muovo in bicicletta ma, quando lo faccio, i miei tacchi vanno dalla zeppa dieci allo sfacciato dodici con plateau.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sfacciato 12 è favoloso! Ma solo con un marito alto 2 mt! Qui oggi siete tutte altissime. Invidia!

      Elimina
  5. IO vi dico solo che per motivi metereologici, di tempo e di storta assassina che mi ha fatto perdere l' aereo del giorno prima, mi sono fatta tutta la giornata di ieri in birkenstock infradito con sotto i calzini viola. Analyze this! (Nel senso che quella tua collega è una mia sorella spirituale, perchè io, magari non proprio a milano, ma ad Amsterdam già pure pure grazie ai marciapiedi a mattoncini, se del caso torno a casa scalza).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè la storta è nemica di ogni tacco, però col calzino viola e l'infradito dovevi sentirti molto trendy ... si dice così?? La mia collega è davvero un mito, ormai affronta ogni sua disavventura con una leggerezza invidiabile.

      Elimina
  6. Da morbida cultrice della filiforme Audrey non posso che esprimere massima comprensione...!
    Quanto ai tacchi, li amo e li adoro. Purtroppo trovano molto più spazio nel mio armadio che non nella mia vita reale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Morbida cultrice" ... mamma mia, come lo hai detto bene! Io sono così morbida da qualche anno che Audrey la sogno anche la notte, uffa.

      Elimina
  7. Sono alta 1,75.
    Da ragazza sempre usato i tacchi, minimo 7 cm, anche per lavorare.
    Poi mettici una rovinosa caduta dalle scale (senza gravi conseguenze) a causa della rottura di un tacco, aver incontrato mio marito che è qualche cm più basso di me, e la maternità... ora i tacchi sono riservati alle uscite con le amiche (e sempre con un paio di ballerine di scorta nel baule).

    ps e comunque anche nel mio corpo c'è una Audrey intrappolata... o forse sono due?!? ahahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due Audrey ... sì, sì! Mi piace questo tuo modo di pensare!

      Elimina
  8. Dunque sei alta un metro e settanta e hai pure la quarta (deduco io... )?!?
    vedi, a chi troppo e chi niente! :))

    usavo i tacchi anche in casa come ciabatte quando non le trovavo nel disordine (ehm...!), ora non li metto praticamente più: con i bimbi in braccio ho sempre paura di sbilanciarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emh ... facciamo anche una quinta ... ma è come dici tu "troppo"!

      Elimina
  9. Nella mia vita pre-nani ero un tacco 10 e piu', nella mia vita post-nani ho fatto l'abbonamento all'outlet dove trovo le hogan a meta' prezzo....quello e' il mio tacco!! Aaaarghhh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora sei una "staccata temporanea", vedrai che torneranno!

      Elimina
  10. Marzia che sfizio il tuo post!
    Nei prossimi giorni parteciperò anche io e intanto ho già inserito il banner nel mio blog...ma io sono una mamma "staccata"!!!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora leggerò anche il tuo post "staccato" con molto interesse. Ogni tanto è bello anche pensare a frivolezze (che poi non lo sono perchè se un tacco/o non tacco ti fa star bene allora ben venga).

      Elimina
  11. Io oramai il tacco l'ho attaccato al chiodo, lo stacco solo quando esco di sera e senza bambina a seguito... praticamente mai. Eppure non arrivo al metro e 65 e, a dirla tutta, nemmeno alla terza di reggiseno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora vale anche per te, il tacco ritornerà, proporzionalmente all'età di tua figlia! Poi li indosserete insieme! Sul reggiseno, ti assicuro che non c'è nulla di poetico nel dover tenere un'impalcatura costante :(

      Elimina
    2. Parole sante, Marzia. Parole sante! Sia sul tacco che sul reggiseno :-)
      I tacchi prima o poi ritornano, eccome. Confesso che qualche volta riesco a indossarli persino io. Ma non raccontatelo in giro, se no mi rovino la reputazione e mi tocca anche cambiare nickname :-D

      Elimina
  12. ahahahah bello questo post . Io i tacchi li uso poco ,ai matrimoni,ai funerali, cene con le amiche ..insomma quasi mai per andare al lavoro o fare shopping. Comunque io sono gia' alta 1.80 senza tacchi ...mezza bellezza?? bho nonso! A volte mi sento ingombrante.

    RispondiElimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...