venerdì 13 aprile 2012

Jovanotti pensiero

Il mio bambino e' triste.  Deluso.
Per la prima volta si trova ad affrontare un "tradimento" e proprio dall'unico amico che aveva superato le sue barriere.
Da qualche tempo AmicoF ha trovato un nuovo compagno di giochi e ha ri-abbandonato al suo solitario destino un incredulo Alex. Gli intervalli sono di nuovo lunghi e immobili, ma soprattutto lui non lo accetta sul piano morale.
Avrei voluto registrare lo sfogo del mio vecchio figlio, ho scritto qualche frase di nascosto per non dimenticarle, perché cosi' appassionato oratore non l'avevo ancora visto. Perché lui - quando non e' rabbioso - e' saggio, quando decide di fidarsi e' trasparente, quando mostra se stesso e' strepitoso.
La vita lo costringe ad uscir fuori, lo mette davanti ai suoi limiti, gli mostra che l’accettazione si conquista, che l’amicizia è un bene prezioso e fragile che va coltivato. E anche che un amico talvolta occorre lasciarlo andare, come un amore. Talvolta la solitudine è la scelta di un altro e non si può far altro che superare il fosso e proseguire.
E il suo cuore bucato parla, parla, parla.
“E che AmicoF non sa condividere, lui chiude tutti gli altri fuori, dice che è ancora mio amico ma poi mi allontana.”
“AmicoF non ha saputo apprezzare quello che aveva, noi facevamo tanti giochi divertenti e ora passa il tempo a litigare e a fare giochi stupidi con M.”
“Io non capisco, uno può avere un amico o 1000 amici ma c’è posto per tutti, non si deve per forza scegliere, si può giocare con tutti.”
“AmicoF era la mia unica possibilità di stare bene all’intervallo. Gli altri giocano tutti a calcio. Ma la vita è così, gli amici li devi prendere quando ci sono. Adesso rimarrò di nuovo seduto a non far niente, pazienza”.

Arrivati alla fine io avevo già il magone:
“Meno male che ci siete tu e papà, non si può dire che siete miei amici ma su di voi posso sempre contare”.
E giù abbraccioni da togliere il fiato.
L’ascolto attivo ha proprio funzionato questa volta, ma che fatica evitare suggerimenti ed eccessive intromissioni nel suo flusso di pensieri.

Negli anni ho imparato a distinguere i problemi di Alex dai miei, a capire che posso arrivare solo fino ad un certo punto e poi lasciarlo solo, a rimandargli le sue emozioni ma non le mie soluzioni.
Ma sono sua madre e la sua tristezza pacata mi è entrata nell’anima. Per questo oggi ho voglia di tenere il mio bambino vicino, teneramente.

E mi va di farlo con le parole di un disco che lui adora, “Ora” di Jovanotti. Da qualche mese è la colonna sonora dei nostri viaggi in auto e lui canticchia a bassa voce tutte le canzoni. Ma qualcuna è speciale, le parole lo attirano, i messaggi sembrano leggeri ma pesano e lui li assimila a suo modo. E la sua scelta mi sorprende, mi illumina, mi fa vedere quanto c’è in lui, gli fornisce la voce e la musica.


La sua preferita è stata da subito Quando Sarò Vecchio, e non mi stupisce:


Quando sarò vecchio sarò vecchio
nessuno dovrà più venirmi a rompere i coglioni
Quello che avrò fatto l'avrò fatto
vorrò soltanto stare a ricordare i giorni buoni (...)
Darò del cretino a tutti quanti
dirò che tutti i libri non servono a niente
E che mille secoli di storia
non valgono un secondo vissuto veramente (...)
E poi magari un sabato di maggio,ad una stella chiederò un passaggio
E a tutti i prepotenti dirò ancora
Con me voi non l'avrete vinta mai!


Poi siamo passati a Rosso D'emozione, per una questione di ritmo:

(...)
Io sono l'Atlantico, rifletto il cielo
muro e desiderio, urlo e melodia
piaga d'infinito, mostro conosciuto
muscolo del mondo, complice di un dio
che assomiglia all'uomo ed i suoi abissi,
padre di Afrodite e di Lady Adan.
Nero di petrolio,
bianco di cotone,
rosso d'emozione. (...)
Inarrestabile, irresistibile, inafferabile, inappellabile (...)
Fermo gli orologi nell'eternita
Faccio carta straccia delle cose fisse
Fatte con le cose, fatte con le ore
fatte col lavoro, fatte col sudore,
fatte con l'amore

E ancora Megamix, perchè la parola bambino lo include ed è un inno di speranza:
E' questa la vita che sognavo da bamabino,è questa la vita che sognavo da bambino
E' questa la vita che sognavo da bambino,un po' di apocalisse e un po' di topolino
E' questa la vita che sognavo da bambino,è questa la vita che sognavo da bambino
E' questa la vita che sognavo da bambino,un po' di hello kitty e un po' di tarantino
(...)
Datemi un motivo e io troverò un modo (...)
Togli l'equilibrio e cercherò di equilibrarmi
Cambiami lo spazio e troverò come adattarmi
Datemi la sete andrò a cercare una sorgente
Datemi una curva partirò per la tangente (...)
Trasformiamo in un bel posto questa stanza (...)
Hai le regole e oltre alle regole che cosa c'è
Hai dei limiti e oltre ai miei limiti che cosa c'è
Che quello che sta sopra è uguale a quello che è sotto
E' diventato un cigno l'anatroccolo brutto (...)
Mihai fatto uscir di senno adesso sono sano
Vedo tutte le cose così come sono

Ma la vera sorpresa è Kebrillah, anch’io la trovo bellissima ed è così vera da rimanere stupiti:

Sulla mia spina d'orsale è appoggiato il cielo intero
Lo sconfinato universo che prova a spingermi giù,
E mi hai mostrato due contrari
E hai detto ognuno è vero (...)
Mi hai messo dentro una scuola e hai detto adesso impara,
Ad abbassare lo sguardo e a non avere pietà (...)
Mi hai messo in una famiglia e hai detto affari tuoi,
Adesso in questo casino prova a capire chi sei,
Però hai messo un diamante dentro al mio cuor,
KEBRILLAH
KEBRILLAH quando lo espongo al sole,
Però hai messo una bomba dentro al mio cuore,
Che è sempre innescata e pronta per scoppiare (...)
Mi hai messo in tasca tre carte e hai detto adesso tira,
Quello che viene viene e
Come gira gira (...)
E allora piangi,piangi forte
E ridi ancora più forte,
Così che scoppi di vita,
Così che scacci la morte,
E guarda sempre in faccia il mondo e non avere paura di niente,
Non abbassare lo sguardo di fronte alla gente,
Potranno dirti bugie,
Potrenno prenderti in giro,
È una partita che si gioca all'ultimo respiro,
E se t'incazzi,incazzati come giusto che sia,
Con tutta la potenza,
Con tutta la fantasia

E infine il gran finale, la canzone che Alex ascolta zompettando come un canguro e poi mi guarda e indicando lui e me canta:

Il più grande spettacolo dopo il big bang siamo noi...io e te!


W Jovanotti!


P.S.
testi copiati qui e là nel web, provengono tutti dai due CD “Ora” (2011) di Jovanotti, spero lui non ne abbia a male, qui siamo fan sfegatati!

23 commenti:

  1. Tuo figlio è una persona straordinaria. A 32 anni io non ho ancora una capacità di analisi dei comportamenti altrui così sensibile e raffinata. Le "musate" sono tante nella vita, ma la saggezza aiuta ad affrontarle. E il fatto che sappia di poter contare su di voi, sempre, è importantissimo.
    Jovanotti è il cantante preferito della Purulla, e piace anche a me da tanti anni: è un poeta sottovalutato! Ed è anche una bella persona, lo incontrammo al Louvre anni fa (ne ho scritto mesi fa, se hai voglia cerca l'etichetta) :)

    RispondiElimina
  2. resto sempre basita quando passo di qui. quanta ricchezza.

    RispondiElimina
  3. Concordo con Mafalda...tutte le volte che ti leggo quando racconti di lui resto letteralmente a bocca aperta.
    Ha una sensibilità che certo lo porterà a soffrire (purtroppo si sa, chi ha il cuore tenero ha questo destino) ma io sono sicura che alla lunga gli porterà anche tanto amore e gli farà veramente godere delle cose belle.

    RispondiElimina
  4. è un bambino molto maturo per la sua età. davvero, certe considerazioni sono vere e profonde e possono valere per tutti, anche adulti. ha già capito tutto sull'amicizia Alex, è molto sensibile!
    anche la mia piccola (compirà 8 anni il mese prossimo) quest'anno ha dovuto attraversare dei momenti molto difficili con alcune sue compagne davvero tremendine.
    imparano tanto da questi piccoli grandi ostacoli!

    RispondiElimina
  5. p.s: adoriamo anche noi jovanotti!!

    RispondiElimina
  6. COme sempre ello ed emozionante.
    Alex mi piace tanto, quanto sua madre :-)

    RispondiElimina
  7. Posso far leggere i pensieri del tuo seienne al mio decenne? Posso, per favore?

    RispondiElimina
  8. Grazie ragazze! Avevo proprio bisogno di una infusione di coraggio come la vostra. Più tardi sono a colloquio con la maestra e come sempre ne uscirò un pò piagata. Lei è una donna meravigliosa e mi aiuta tanto ma ... ma e basta.
    Stasera ho voglia di stropicciarmi tutto il mio cucciolo e farlo ridere, ridere, ridere.
    Vi saprò dire ...

    RispondiElimina
  9. E come non capirlo, penso che sia successo a tutti di sentirsi traditi e forse proprio per questo quando succede ai nostri figli soffriamo con loro. Però il tuo Alex è già avanti e mi ha fatto ricordare queste altre parole di Jovanotti:

    A te che io
    Ti ho visto piangere nella mia mano
    Fragile che potevo ucciderti
    Stringendoti un po’
    E poi ti ho visto
    Con la forza di un aeroplano
    Prendere in mano la tua vita
    E trascinarla in salvo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, altre meravigliose parole! Speriamo che la forza arrivi e lo porti lontano dalle sue paure.

      Elimina
  10. Più ti leggo cara Marzia e più penso che ci sono moltissime affinità tra il mio cinquennequasiseienne e il tuo bambino. Mi hai un po' confortata con la cosa dell'occhio, io ero molto preoccupata ma il pediatra non gli ha dato molta importanza. Mi ha appena scritto mia zia che le sembra non lo faccia più, domani vado da lui e vedro'.
    kike

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alex ha avuto vari disturbi legati all'ansia ma quelli agli occhi sono ciclici e non e' mai stato diagnosticato un problema fisico, più e' nervoso più gli occhi danno fastidio. Appena torna la quiete, anche gli occhi si placano ...

      Elimina
  11. Anche al mio bimbo il pediatra ha escluso qualsiasi tipo di problema fisico o neurologico, solo non bisogna dargli peso e far finta niente, per me non è molto semplice, fa un po' impressione....
    kike

    RispondiElimina
  12. ciao marzia, anche wildberry adora jovanotti, a me fa un pò ridere perchè lo considero uno dei miei tempi...
    sugli amici che ti abbandonano che dire, i miei figli sono molto socievoli e a parte piccole cose non mi ricordo di averli visti mai soffrire per questa ragione.
    Di dolore ricordo però il mio, che socievole non lo ero affatto e proprio per questo mi sentivo affamata di relazioni...
    Da questo punto di vista l'infanzia non è stato un periodo facile e avevo un amica immaginaria, però crescendo è andata meglio e con l'adolescenza direi che è andata bene...
    Paberry, che è uno che bada all'essenziale, dice che ai bambini bisogna insegnare a giocare al pallone. Per forza. Vedi tu...

    RispondiElimina
  13. Paberry e' senz'altro molto saggio ma qui non c'è nessuno appassionato di calcio, ne' maschi ne' femmine e credo che questa via non sia praticabile, tranne che per una conversione autonoma! Pero' imparare ad aprirsi alle relazioni e' possibile e credo che questa occasione stia dando ad Alex modo di rivedere tante cose e decidere la sua strada, accettando compromessi ragionevoli. Speriamo funzioni ...

    RispondiElimina
  14. Difficile non rimanere scossi ogni volta dal tuo modo di scrivere che trasuda amore e fatica, viene voglia di abbracciarvi entrambi,verrebbe anche voglia di provare a darti dei consigli ma più scorro il blog più mi rendo conto che sarebbero inutili, sorpassati, non adeguati, perchè sei una mamma attenta che le prova proprio tutte.
    Un bacio, ti seguo sempre più assiduamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Diciamo che ogni relazione mamma-figlio evolve in modi spesso imprevisti e secondo regole personalissime. Io ne parlo perchè per me funziona come "cura" ma mi rendo conto che trovare soluzioni che valgano per altri è praticamente impossibile. A presto, allora.

      Elimina
  15. Ciao, sono appena arrivata e rimango subito colpita da quello che scrivi.
    Mi ha fatto molto riflettere il tuo approccio ai problemi di tuo figlio, spero di imparare anch'io a distinguere i suoi problemi dai miei.
    (Anche noi adoriamo Lorenzo J)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita, benvenuta. Io ho dovuto lavorare molto sulla distinzione me-lui, devo ringraziare il corso sui Genitori Efficaci per i miglioramenti fatti.

      Elimina
  16. E' un vero peccato che crescendo si perda tutta questa saggezza.
    Meno male che c'è Alex a ricordarci che almeno una volta in vita siamo stati saggi: da piccoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, la saggezza essenziale dei piccoli li fa trovare pensieri e strade impensate. Mi pare che il mio orsetto stia evolvendo in fretta, si sta organizzando per avere nuovi amici, speriamo..

      Elimina
  17. Che bello questo post, volevo dirtelo.
    Grazie per averlop ubblicato, anche io avevo il magone anche solo con "alcune frasi" che hai riportato.
    La magia dell'ascolto attivo è impressionante, che meraviglia! :)

    Che bello stare a guardarvi attraverso le tue parole. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ci, sto andando avanti con i tuoi libri e trovo idee di ascolto ovunque nella CNV. A mattone aggiungo mattone e la casa cresce!

      Elimina

Scrivere è bello ma leggere è anche meglio. Grazie per il tuo commento ...